Lo Styling Anacronistico di Vuitton – (FOTO)

Scostumista-Lo Styling Anacronistico di Vuitton – Spesso la tendenza degli stilisti è quella di andare a cercare ispirazione dalla moda che si è succeduta nel secolo scorso, ma c’è chi, approfittando della vastità delle fogge dell’abbigliamento nei secoli addietro, si è spinto più in là. Alessandro Michele ama mischiare riferimenti all’ antica Roma, all’Inghilterra Tudor, alla Francia medievale e all’Italia rinascimentale, alla Parigi degli anni ’30, insieme alla Londra degli anni ’70 e agli anni ’80 di Harlem. La sfilata Cruise 2017/18 di Chanel intitolata “La modernité de l’antiquité” celebrava il classicismo greco mischiando le intramontabili giacche in tweed, segno distintivo della Maison, con tuniche e pepli rivisitati. John Galliano, ai tempi della sua direzione artistica per Christian Dior, ha progettato bellissimi abiti e corpetti d’ispirazione settecentesca.  Per la collezione Primavera-Estate 2018 di Louis Vuitton, anche Nicolas Ghesquière fa riferimento all’ “âge des lumières” facendo sfilare le classiche inquartate maschili lunghe al ginocchio su micro-short, pantaloni in vinile e sneakers futuristiche. Redingote in tessuto broccato arricchite da preziosi ricami si sovrappongono a tessuti tecnologici per un mix-and-match che abbraccia quasi quattro secoli. Il Settecento rivisitato è un tema già sperimentato da Guesquière ai tempi della sua direzione artistica da Balenciaga, con la Collezione Primavera /Estate 2006, dove marsine bianche e avorio strette in vita si allargavano sui fianchi in strati di balze e volant. Ciò che però rende più interessante questa collezione di Louis Vouitton non è tanto la redingote di per sé, che anzi ha una ripresa più letterale dell’originale settecentesca rispetto a quella progettata per Balenciaga dove l’evoluzione della forma è più evidente, ma in quest’ultima collezione Vuitton, è lo styling a rendere interessante l’outfit, l’anacronismo degli stili che si contrappongono e si mescolano in modo sorprendente e imprevisto. I pezzi elaborati, ispirati al guardaroba dell’aristocrazia francese del XVIII secolo, nobilitano l’abbigliamento sportivo dei giorni nostri, tutto si centrifuga perfettamente e Alessandro Michele che ha sempre portato la storia del costume nelle sue collezioni Gucci è guru indiscusso di questa tendenza che vede sempre più l’avanzare dell’importanza di un approccio allo styling già nel momento della progettazione di una collezione.          di Annapaola Brancia d’Apricena

 

 

Potrebbero interessarti anche...