Categorie
moda

Gucci: Frida Giannini e Patrizio Di Marco lasciano incarichi

MILANO – Frida Giannini e Patrizio Di Marco lasciano Gucci. Secondo quanto si legge su l’Ansa Frida Giannini, direttore creativo della Maison, e Patrizio Di Marco, CEO della società, lasceranno i rispettivi incarichi. Ad annuncare la notizia è una nota ufficiale di Kering. Per ora ancora non si conoscono i motivi di questa scelta che ha scosso e non poco il mondo della moda.
Frida Giannini e Patrizio Di Marco, alla fine, lasciano insieme. Patrizio Di Marco, che ha fatto parte del Gruppo Kering per più di 13 anni, lascerà l’azienda il 1 gennaio 2015 e sarà  sostituito da Marco Bizzarri.
Da parte sua Giannini, legata a di Marco e al quale nel 2013 ha dato un figlio, è in Gucci da più di 12 anni, sei dei quali passati al timone creativo della casa fiorentina., lascerà il suo incarico alla fine del mese di febbraio 2015. Frida presenterà la sua  collezione Donna Autunno/Inverno 2015-2016 il prossimo 25  febbraio 2015. Il nuovo direttore creativo verrà nominato  prossimamente.
François-Henri Pinault, presidente e Ceo di Kering di cui fa parte Gucci, ha commentato:
“Desidero ringraziare Frida per la sua straordinaria passione,  dedizione e per il suo contributo alla storia di Gucci. È stata l’unico direttore creativo di Gucci per quasi un decennio. Questo è un risultato davvero notevole, considerando il livello di responsabilità enorme come supervisore di tutti gli aspetti  relativi al prodotto e all’immagine per un marchio così globale,  durante un periodo di tempo così lungo. Le sono grato per i suoi  risultati, per la sua creatività e per la passione che ha sempre  trasmesso nel suo lavoro”.
Marco Bizzarri: Bizzarri è entrato a far parte del gruppo Kering nel 2005 come  Ceo di Stella McCartney, per poi essere nominato Ceo di Bottega Veneta nel gennaio 2009. Da aprile 2014 ha ricoperto il ruolo di  Ceo della divisione Luxury – Couture & Leather Goods di Kering.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.