Categorie
moda

“Elle Francia” scrive il “Black fashion Power” e viene accusato di razzismo

È forse difficile da credere, eppure in questo momento, in Francia è in corso una vera e propria bufera, scaturita da un articolo di moda apparso su Elle Francia. Il noto giornale di moda ha dovuto infatti ritirare in fretta e furia un articolo, dopo essere stato additato come “razzista”. In sostanza, sull’articolo veniva mostrato un nuovo modo di vestire della comunità nera, molto più simile a quello europeo. Si legge sul Corriere della Sera: “La famiglia di Obama alla Casa Bianca ha mostrato un modo di apparire meno legato all’hip hop e allo streetwear, e più vicino ad integrare i codici dell’eleganza bianca e borghese. A conferma, il nuovo look delle icone “nere” dello spettacolo: Janelle Monae, NIcki Minai, Kelly Rowland e persino Rihanna. tutte pronte, secondo la giornalista di Elle, ad accantonare i catenoni d’oro a favore di pizzi e camicette, espressione di una moda nera meno ribelle e più chic, che ha i suoi migliori testimonial a Washington, alla Casa Bianca”.

Ebbene, questo il pezzo incriminato, intitolato “Black fashion Power” che, a giudicare dalla maggior parte della popolazione francese, gridava al razzismo.

A nulla sono valse le difese della giornalista, Nathalie Dolivo : “Io non volevo offendere nessuno, al contrario, intendevo descrivere una comunità nera americana più sicura di sè e più potente, e quindi in grado di giocare con stili diversi” e, quando i commenti ostili all’articolo sono arrivati a quota mille, è venuta in sua difesa la direttrice della redazione: “Se questo articolo ha potuto scioccare o ferire qualcuno siamo profondamente rattristati perchè non era affatto la nostra intenzione, al contrario. Siamo molto dispiaciuti per questo malinteso, il dibattito comunque è stato lanciato e ci permetterà di arricchire il nostro lavoro giornalistico”.

Una delle donne più attive in quest dibattito è stata indubbiamente Audrey Pulvar, di origine martinicana, moglie dell’esponente di primo piano del partito socialista Arnaud Montebourg: “L’articolo imbecille e razzista di Elle ha provocato la giusta indignazione di migliaia di lettori online, in Francia e negli Stati Uniti. Le scuse sono un’opzione plausibile per il giornale? Non finisce qui”.

Insomma, quando un articolo può costare caro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.