bellezza

Il make up artist di Rihanna usa questo correttore per mettere ko le occhiaie

Il make up artist di Rihanna usa questo correttore per mettere ko le occhiaie

Siamo in pieno autunno e la stagione fredda è ormai alle porte. Ecco che borse e occhiaie fanno la loro ricomparsa, dopo essersi acquietate un po’ durante l’estate.

Il freddo rende la pelle più chiara rispetto all’estate o alla primavera, mettendo in evidenzia questi inestetismi.

A stressare il contorno occhi è anche una maggiore stanchezza che durante l’inverno è causata da un minor livello di vitamina D, la ‘vitamina del sole’, e dalla riduzione di serotonina, il neurotrasmettitore che stimola le sensazioni di benessere.

Il correttore usato dal make up artist di Rihanna contro borse e occhiaie.

Hector Espinal, il make-up artist di RiRi, usa il correttore Pro Filt’r Instant Retouch di Fenty Beauty, brand lanciato dalla stessa cantante.

Il MUA utilizza poi il Precision Concealer Brush per sfumare il trucco, prima di ripassare tutto con la Precision Makeup Sponge per “raccogliere il prodotto in eccesso”.

Poi applica un po’ di Invisimatte Blotting Powder dove vuole che il suo viso sia più opaco, quindi sostanzialmente intorno alla zona del naso.

Rihanna nella classifica Forbes dei milionari grazie a Fenty Beauty.

Forbes ha inserito l’artista nella sua classifica dei miliardari grazie ad un patrimonio di un miliardo e 700 milioni di dollari. Rihanna è anche la musicista donna più ricca al mondo.

La maggior parte della sua fortuna tuttavia non viene dalla musica. Il grosso, circa un miliardo e 400 milioni proviene da Fenty Beauty, del quale possiede il 50%.

Poi c’è sua sua azienda di lingerie Savage x Fenty, stimata 270 milioni di dollari e infine i ricavi dalla sua carriera come musicista e attrice. Il nome Fenty viene dal suo cognome.

L’artista è inoltre una delle celebrity che ha capitalizzato sui social media per costruire il suo brand di beauty. Ha infatti oltre cento milioni di follower sia su Instagram che su Twitter.

Foto di Bessi da Pixabay.