Categorie
bellezza

Peeling o esfoliazione? Ecco le differenze

ROMA – A tutte noi capita di vedere in televisione i visi perfetti delle star e sognare di avere la loro pelle di porcellana. Premesso che spesso la loro pelle non è realmente così perfetta ma frutto di strati di make up e ceroni, è anche vero che fanno indubbiamente uso di esfoliazioni e peeling che aiutano notevolmente ad eliminare cellule morte e imperfezioni dal viso.

Innanzitutto è bene non confondere i due procedimenti; esfoliazione e peeling sono due tecniche molto diverse che hanno processi e finalità differenti.

I peelings fanno uso di vere e proprie sostanze chimiche che provocano, più o meno profondamente, l’eliminazione delle cellule epidermiche ormai invecchiate. L’obiettivo del trattamento è quello di levigare e migliorare l’aspetto della cute, rimuovendone gli strati superficiali più danneggiati. I risultati sono un effetto di levigatura cutanea, che attenua ed elimina le rughe, attenua le macchie , e spiana le cicatrici post-acneiche.

Gli effetti di questa applicazione variano a seconda della concentrazione e del pH della sostanza. Con il passare dell’età e con la continua esposizione al sole si ha un invecchiamento generale della pelle, in particolare del volto, che appare più opaca, meno elastica e solcata da fini rughe. Inoltre , lo stress e il fumo tendono ad accelerare questo processo di invecchiamento. Il Peeling chimico permette di ottenere una pelle più giovane e consente di adeguare il trattamento a ogni singolo paziente, senza alterarne la vita di relazione. La ripetitività delle sedute permette inoltre di modificare durata, tipo e sede di applicazione degli acidi, in funzione dei risultati progressivamente ottenuti.

Gli esfolianti sono invece dei prodotti molto meno aggressivi che, a differenza dei peeling che devono essere necessariamente eseguiti in ambulatori medici, possono essere utilizzati anche autonomamente in casa propria. Il risultato dell’esfoliazione è indubbiamente meno invasivo del peeling, e andrà a togliere le cellule morte dall’epidermide ma in maniera più superficiale.

Il peeling vero e proprio, dunque, può essere eseguito esclusivamente da medici: diffidare da centri estetici che promettono miracoli. Spiega infatti Maria Gabriella di Russo, specialista in Idrologia medica e medico estetico, sul “Corriere della Sera”:

“Le estetiste possono usare solo l’acido glicolico a basso dosaggio, mentre il medico estetico ha la possibilità di usare il glicolico al 70% e tutti gli altri prodotti nelle diverse concentrazioni”.

La differenza quindi non è certo da poco: la maggiore o minore concentrazione degli acidi influisce sul risultato determinando la semplice azione cheratolitica sciogliendo lo strato corneo dell’epidermide o una forma accelerata di esfoliazione.

A questo punto la domanda sorge spontanea: quando si deve fare il peeling e soprattutto, chiunque può farlo? Di Russo spiega:

“I peeling nella loro variabilità sono adatti a tutti i tipi di pelle e possono essere usati dalla maggiore età in poi. Si possono fare tutto l’anno se leggeri e soft, al contrario esclusivamente in inverno se medi e profondi”.

Insomma, tutte pazze per il peeling? Ovviamente come ogni tecnica di bellezza deve essere usata con cautela se non si vogliono avere controindicazioni. Il cosmetologo Umberto Borellini spiega:

“Se troppo sollecitata, la pelle per reazione produce più cheratina del normale, creando l’ipercheratosi. Scrub e gommage invece si possono fare anche un giorno si e uno no: si tratta di un’attività meccanica che non va in profondità come un peeling” e poi, condanna inesorabilmente i fedelissimi rimedi della nonna: “sconsiglio gli scrub fatti in casa perchè rischiano di avere all’interno asperità che possono graffiare la pelle creando pericolose microfessure”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.