Categorie
bellezza

Burro di murumuru, tutti i benefici per pelle e capelli

Dopo quello di karité e quello di cacao, c’è un altro alleato per i capelli e la pelle: il burro di murumuru. 

Questo burro viene prodotto estraendo il grasso bianco-giallo dai semi di Astrocaryum murumuru, una palma originaria della foresta pluviale amazzonica.

Motivi per cui il burro di murumuru potrebbe diventare un nuovo alleato di bellezza.

E’ un eccellente emolliente noto per le sue proprietà idratanti.

Questo perché è ricco di acidi grassi a catena media e lunga, come l’acido laurico e l’acido miristico.

Tali acidi possono aiutare a ripristinare la barriera dell’umidità della pelle.

Il burro di Murumuru è ricco di grassi, che penetrano nel fusto del capello per mantenerlo idratato e ridurre l’effetto crespo.

Se non hai la pelle grassa e usi l’olio di cocco come idratante, sappi che il burro di murumuru può essere una buona alternativa.

Rispetto ad altri oli idratanti, ostruisce meno i pori e potrebbe essere più indicato per chi è soggetto all’acne.

Funzione antiage: il burro di murumuru può aiutare a ridurre i segni dell’invecchiamento, come le rughe.

Questo prodotto è utile per avere capelli sani e preserva la loro lucentezza naturale.

L’ideale sarebbe integrarlo in un prodotto di bellezza come shampoo o il balsamo e siamo certe che presto li troveremo sul mercato.

Se soffri di eczema, l’applicazione di una crema ricca di grassi può aiutare.

Il murumuru può contribuire a reintegrare la barriera idratante della pelle e ridurre secchezza e irritazione.

Pelle grassa, quale prodotto usare.

Come accennato nelle righe precedenti, burri e olio non solo la soluzione più adatta per chi ha una pelle grassa.

Potete invece optare per dei sieri come il Gel Oil Free Moisturizer della Miamo, un’azienda cosmetica italiana davvero valida.

Si presenta come un liquido gelatinoso e i suoi effetti ci hanno stupito.

La pelle appare notevolmente idratata ma allo stesso tempo opacizzata. Da provare.

Fonte: Healthline.

Foto di Free-Photos da Pixabay