Categorie
bellezza

Alimentazione: 5 pasti al giorno per migliorare la linea e la salute

ROMA – Per noi italiani l’alimentazione dovrebbe essere un vero e proprio culto ma a volte non è proprio così. Quante volte abbiamo sentito dire frasi come “salto la cena eppure non riesco a dimagrire” o “mangio pochissimo ma ingrasso lo stesso”?

Benché chi pronuncia queste frasi è spesso attento alla propria linea, non si rende conto che invece mangiare poco per cercare di dimagrire non è il modo corretto per evitare di accumulare calorie.

Anche per insegnare a prendersi meglio cura della propria alimentazione, l’Osservatorio Nestlè-Fondazione Adi ha studiato le persone che hanno adottato la “regola dei 5 pasti”, definiti come ”gli appuntamenti irrinunciabili che devono scandire la nostra giornata”.

Colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena. Sono questi i cinque pasti fondamentali da non dover saltare assolutamente.  ”E oggi – dice l’Osservatorio – il trend di persone che seguono questa regola inizia a essere positivo: rispetto al 2011 inizia a crescere del 2%”. I dati dello studio, aggiunge Giuseppe Fatati, coordinatore scientifico dell’Osservatorio, ”non fanno che validare ulteriormente l’importanza di una giusta frequenza dei pasti all’interno dell’alimentazione quotidiana. Tra coloro che fanno i pasti principali più 1 o 2 spuntini c’è, infatti, una prevalenza di persone normopeso. I risultati sono comunque molto incoraggianti soprattutto tra le donne: 4 su 10 fanno lo spuntino al mattino e 5 su 10 al pomeriggio. Questo dimostra come un’informazione mirata e le campagne di educazione alimentare stiano iniziando a portare i primi frutti”.

Secondo l’indagine, le persone che dichiarano di saltare i pasti sono in diminuzione rispetto al 2011 (dal 28% al 26%) soprattutto tra gli over 45 e le donne, e solo 1 su 10 salta la colazione. Un italiano su 4 dichiara di saltare i pasti almeno 1 volta alla settimana; in particolare, durante i giorni feriali si tende un po’ di più a saltare il pranzo, durante il weekend invece la cena. ”Oltre alla frequenza – commenta Fatati – è necessario ricordare che il tempo dedicato ai pasti è fondamentale per l’assimilazione dei cibi, il gusto e l’equilibrio di tutta la dieta giornaliera. Secondo i dati sia cena sia pranzo durano in media circa 30 minuti, sia durante i giorni feriali sia nel weekend, quando invece bisognerebbe recuperare il valore della convivialità. Infine – conclude l’esperto – un pasto non può essere costituito da una sola categoria di alimenti, e una dieta corretta, anche dimagrante, deve sempre includere tutte le categorie di alimenti in maniera varia ed equilibrata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.