Categorie
attualità

Roma, prostituta costretta da romena ad abortire e gettare feto nel terreno

ROMA – Una cittadina romena è in carcere con l’accusa di aver “procurato clandestinamente un aborto” a una prostituta al quarto mese di gravidanza costringendola poi a gettare il feto dentro una buca nel terreno.  La donna fa parte di un gruppo di tre persone – un cittadino italiano di 61 anni, una moldava di 18 anni e la donna romena di 23 anni – tutti con precedenti penali.

Secondo quanto scrive Giornalettismo, il trio constringeva “due ragazze dell’Est europeo a consegnare, con cadenza settimanale, una parte cospicua dei loro introiti per poter occupare le piazzole di sosta della via Tiburtina, dove si prostituivano.” L’indagine è partita dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma a settembre quando le vittime hanno denunciato il trio ai Carabinieri di Tivoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.