Categorie
attualità

Dà marijuana al figlio di 3 anni malato di cancro: “E’ meglio della chemio”

SALT LAKE CITY (STATI UNITI) – Landon Riddle ha tre anni quando gli viene diagnosticato una forma di leucemia che i dottori nello Utah, Stati Uniti, decidono di curare con una forma aggressiva di chemioterapia.

La cura causa sofferenze e problemi neurologici e Sierra Riddle, la madre del piccolo Landon, decide di trasferirsi in Colorado dove il figlio comincia una cura sperimentale a base di marijuana.

La cura è legale dopo che lo stato americano ha legalizzato l’uso della cannabis lo scorso anno. Ai malati di leucemia vengono somministrati due principi attivi della marijuana – il cannabidiolo e tetracannabiolo – in forma liquida. Il tetracannabinolo (THC) funziona come antidolorifico e combatte la nausea mentre il cannabidiolo (CBD) sembra che riesca a bloccare le metastasi in forme di cancro aggressivi.

“Era quasi sempre sotto morfina,” ha detto all’Huffington Post la madre di Landon. “In quattro settimane abbiamo cominciato a vedere i miglioramenti.” Landon adesso sta meglio, nonostante il parere contrario di molti al tipo di terapia a cui la madre ha sottoposto il figlio.

“La marijuana è un milione di volte meglio della chemioterapia,” ha detto Sierra ad una televisione locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.