Angelina Jolie per Unhcr visita rifugiati colombiani

Angelina Jolie

Lago Agrio(Ecuador) – Angelina Jolie ha visitato in Ecuador i rifugiati colombiani, nel suo primo viaggio in veste di inviato speciale dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr). Lo riferisce la stessa agenzia, spiegando che nei due giorni di permanenza, l’attrice ha visitato la provincia settentrionale di Sucumbios e ieri ha incontrato il ministro degli Esteri dell’Ecuador, Ricardo Patino. La Jolie, al suo terzo viaggio per incontrare i rifugiati colombiani in Ecuador, ha chiesto al governo di mantenere una politica aperta in materia di asilo e la  tradizione di aiutare le persone più bisognose.

Ha detto che “siccome il 30° anniversario della Dichiarazione di Cartagena 1984 si avvicina, è tempo di celebrare la resistenza degli sfollati nella regione e rinnoviamo il nostro impegno a leggi e politiche che offrano loro protezione, sicurezza e la possibilità per una vita dignitosa

. ” La Dichiarazione di Cartagena ha ampliato la definizione di rifugiato utilizzata in America Latina e ha offerto un nuovo approccio alla protezione dei rifugiati e alle soluzioni nella regione.

La Jolie è arrivata al campo nel fine settimana durante la sua prima visita come inviato speciale del Alto Commissario António Guterres. Era in Ecuador per valutare la situazione nelle aree urbane e rurali per i rifugiati dalla Colombia, dove quasi 50 anni di conflitto hanno lasciato circa 4 milioni di persone sfollate.

Ecuador ospita 56.000 rifugiati e 21.000 richiedenti asilo e riceve 1.300 nuove applicazioni per la protezione ogni mese da parte di persone in fuga dalla continua violenza in Colombia. Molti vivono nelle aree remote e povere del nord del paese vicino al confine.

La visita di due giorni di Jolie ha avuto inizio il sabato a Lago Agrio, capitale della provincia di Sucumbios, nel nord del paese. Ha visitato il quartiere di San Valentin, dove ha incontrato i giovani rifugiati colombiani e ecuadoriani che facevano parte di un gruppo di giovani sostenuto da UNHCR. Le hanno raccontato le loro vite difficili in una zona dove i giovani sono spesso presi di mira per l’assunzione da parte dei gruppi armati e trafficanti.

“Ho trovato queste persone impressionanti e mi sono davvero commossa per la loro determinazione a migliorare la loro comunità prendendola nelle proprie mani”, ha detto Jolie. Ha discusso la situazione dei giovani della zona, con il sindaco di Lago Agrio,Yofre Poma, che gestisce una serie di programmi scolastici volti a instillare un senso di responsabilità nei giovani e a facilitare l’integrazione dei rifugiati, che compongono 13 per cento della popolazione della città .

“Attraverso questi programmi, il sindaco sta mantenendo la cultura della tolleranza per le persone che hanno subito tanta violenza”, ha detto Jolie.

L’inviato speciale ha visitato anche due remote comunità di rifugiati lungo il fiume nella zona di confine a nord di Lago Agrio. È tornata dopo due anni alla frazione di Barranca Bermeja sul fiume San Miguel e ha incontrato i membri della locale associazione delle donne, che riceve il sostegno dell’UNHCR.

I rifugiati hanno parlato della necessità di migliorare l’accoglienza, dicendo a Jolie che, secondo normative vigenti, devono recarsi a Lago Agrio sempre di persona per rinnovare la loro documentazione rifugiati. In assenza di un servizio di autobus pubblico, questo può costare un mese di stipendio – un peso enorme.

I rifugiati nelle zone di confine hanno ricevuto i loro primi documenti d’identità ufficiali in un’unità di registrazione tra il 2008 e il 2010. Questi si sono dimostrati disponibili nel regolarizzare il soggiorno dei rifugiati e aiutarli a godere dei propri diritti. Ma ora devono affrontare maggiori difficoltà per rinnovare  i documenti perché il governo ha tagliato di nuovo il numero e le operazioni delle squadre mobili di registrazione.

La Jolie ha visitato la comunità Providencia di 24 famiglie di profughi afro-colombiani, a circa due ore a ovest di Barranca Bermeja in barca. L’insediamento è stata fondata nel 1994 da rifugiati colombiani, ma non ha ricevuto aiuto esterno fino al 2008, quando è arrivato l’UNHCR.

Nonostante le difficoltà in Providencia, Jolie ha trovato delle persone molto solidali. “C’è un insegnante straordinario che ha lasciato Lago Agrio per vivere in questo luogo remoto e insegnare ai rifugiati, che -per la prima volta – hanno accesso all’istruzione,  hanno un futuro”, ha detto Jolie.

L’inviato ha detto di essere grato a questa insegnante e alle molte altre persone che hanno dato assistenza a queste famiglie . “Se non fossero venuti in Ecuador, non sarebbero vivi”, ha detto. “Nessuno vuole essere un rifugiato, e dover lasciare la propria casa. Nessuno vuole vivere su una terra in prestito a dover chiedere un visto ogni anno e non essendo in grado di sapere qual sarà il futuro dei loro figli,  se potranno accedere a qualche posto di lavoro o ottenere assistenza medica. ”

Ha sottolineato che era “molto importante per  l’UNHCR e il governo venire qui e dare assistenza. Ma è anche importante aiutare le popolazioni locali, capire che cosa significhi essere un rifugiato, il motivo per cui sono venuti,  a che cosa hanno sopravvissuto, quali sono le loro intenzioni. E le loro intenzioni sono semplicemente che vogliono essere sicuri e avere una vita decente per la loro famiglia. ”

Ha poi aggiunto che l’UNHCR avrebbe riconosciuto all’Ecuador un contributo alla protezione dei rifugiati in una nuova campagna di sensibilizzazione intitolata “Gracias Ecuador” (“Grazie Ecuador”). Jolie è stato nominato inviato speciale dell’Alto Commissario António Guterres all’inizio di questo mese.

 

Potrebbero interessarti anche...