Uova alleate delle future e neo mamme: sono fonte di colina

Uova alleate delle future e neo mamme: sono fonte di colina

26 Maggio 2022 - di Silvia

Uova sì uova no? Questo è uno dei dibattiti più ricorrenti nell’ambito della nutrizione. Eppure, le ultime tendenze sembrano “salvare” le uova, che non sarebbero colpevoli di alzare il colesterolo cattivo. Sono soprattutto le future mamme e neo mamme che dovrebbero includerle nella loro dieta. Secondo il dottor Steven Zeisel, esperto di nutrizione presso l’Università della Carolina del Nord, la colina, un nutriente essenziale poco noto, potrebbe essere la chiave per lo sviluppo del cervello umano, ma spesso non se ne assumono abbastanza in utero o nei primi anni della vita. Proprio le uova sono una fonte di colina. Ne basterebbero tre al giorno per assumerne a sufficienza. 100 grammi di un uovo intero ne forniscono 250 mg. Uno da solo ne contiene circa 150 mg. Anche la carne e il latte possono essere un’altra fonte.

Zeisel sottolinea che la sostanza nutritiva è essenziale per lo sviluppo del cervello e che l’onere di trasmetterla attraverso il bambino spetta alla madre, sia mentre sta portando il bambino o attraverso il latte materno dopo la nascita. Non molti conoscono l’importanza della colina, tuttavia, e i bambini che non ne ricevono abbastanza nei primi tre anni di vita ottengono punteggi peggiori nei test cognitivi. Spesso hanno livelli di attenzione peggiori rispetto ai loro coetanei. L’esperto spiega che i primi 1.000 giorni di vita – o circa tre anni – sono quando si forma il cervello. Durante questo periodo, la colina è fondamentale per assicurarsi che si sviluppi correttamente.

“Se c’è uno scarso sviluppo in quelle prime parti della vita, il cervello non si sviluppa correttamente e la cognizione…A sette anni è peggiore”, ha detto Zeisel. “Il rendimento scolastico dei quindicenni (che non hanno ricevuto abbastanza colina) non è così buono”. “Le cellule staminali che formano il cervello richiedono (colina) in un periodo critico di sviluppo e, se non è presente durante quel periodo, la struttura del cervello non si forma normalmente. (…)”.

Tags