Categorie
Salute

Troppo rumore per italiani: udito, umore e sonno a rischio

MILANO – Inquinamento acustico sotto accusa. Quasi un cittadino su tre nel mondo è sottoposto ad un eccesso di rumore, con il rischio di disturbi dell’udito, del sonno e dell’umore. E l’Italia, e Napoli in particolare, è messa molto male da questo punto di vista.

SeNew York e gli Stati Uniti detengono lo scettro geografico del chiasso, infatti, il nostro Paese si pone al secondo posto, con Napoli come città più rumorosa a livello nazionale e terza nel mondo dopo New York e Los Angeles.

I dati arrivano dal documento Consensus Paper “Coping with noise” in cui vari esperti hanno valutato un’indagine GfK Eurisko condotta su 8.800 persone di 11 Paesi e i recenti studi scientifici sull’argomento.

L’Italia con il 10% si pone dietro gli Stati Uniti (16%) per il rumore ad alto volume, ma è più ‘chiassosa’ di Francia, Gran Bretagna e Portogallo (7%), Paesi Bassi e Nuova Zelanda (4%) e Germania (2%).

Tra le città italiane quella che si fa sentire di più è Napoli (15%), che batte Roma (9%), Milano e Torino (8%), e conquista il terzo gradino del podio mondiale della rumorosità dopo New York (36%) e Los Angeles (24%).

Il rumore arriva dalle strade, dalle conversazioni tra le persone, dalla musica di sottofondo e dal trasporto pubblico. Tutto questo con effetti sulla salute: i troppi decibel, infatti, possono aumentare di circa il 30% la probabilità di avvertire un disturbo uditivo, oltre a contribuire a quasi il raddoppio dei casi di disturbi dell’umore, insonnia, difficoltà di concentrazione e mal di testa. Il ‘mal di rumore’ inoltre può sottoporre a stress il sistema cardiovascolare, avere un impatto sull’umore, portare a disturbi del sonno e danneggiare l’udito.

I più vulnerabili al rumore sono giovani e adolescenti, spesso esposti a musica ad alto volume, e gli anziani, in cui al rumore si aggiunge il possibile utilizzo di farmaci nocivi per l’apparato uditivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.