Schiocchiarsi le dita non fa male: sfatato un falso mito

Schiocchiarsi le dita non fa male: sfatato un falso mito

ROMA – Schiocchiarsi le dita non fa male alla salute e non fa venire l’osteoporosi. A sfatare una credenza vecchia decenni c’ha pensato il dottor Donald Unger, medico che da 60 anni si occupa proprio di studiare questo fenomeno, e che proprio per questo si è guadagnato l’IG Nobel, che non è una vera onorificenza, ma la parodia di quello vero.

Ma allora, ci si domanderà, che cosa causa quel rumore sordo che per decenni ha alimentato false credenze? In realtà a schioccare non sono le ossa ma delle “bolle”, che si formano tra le giunture. Negli interstizi tra un’articolazione e l’altra risiede una sostanza, chiamata liquido sinoviale, che serve ad oliare la frizione tra le ossa. Questo liquido contiene dei gas: ossigeno, azoto, biossido di carbonio. Quando lo spazio tra un osso e l’altro si allunga si crea una specie di vuoto che risucchia il liquido sinoviale e favorisce la creazione di bolle dovute ai gas, che scoppiano facendo pressione.

Ecco dunque spiegato il motivo di tale rumore e perché per provocarlo bisogna aspettare diversi minuti prima di poter far scrocchiare nuovamente le dita. Il dottor Unger assicura comunque che farlo non fa male, anzi, al massimo dà sollievo. 

 

Potrebbero interessarti anche...