Categorie
Salute

Radicchio alleato della salute: tutti i benefici

Il radicchio è un tipo di cicoria con foglie rosso-viola scuro e venature bianche. Ha un sapore amaro, che diventa meno marcato se cucinato. E’ un ortaggio alleato della linea perché ha poche calorie, pur offrendo importanti vitamine e minerali.

Una porzione da 2 tazze (80 grammi) di radicchio crudo ha la seguente composizione nutrizionale. Calorie: 20, proteine: 1,2 grammi, no grassi,
carboidrati: 4 grammi, fibra: 1 grammo, ferro: 3% del valore giornaliero consigliato, zinco: 5%, rame: 30%, fosforo: 3%, potassio: 5%, vitamina K: 170%, vitamina C: 7%, vitamina B6: 3%. Vediamo gli ulteriori benefici del radicchio, suggeriti dal sito HealthLine:

E’ ricco di antiossidanti pigmentati chiamati antociani. Gli antociani possono giovare alla salute intestinale e riparare i danni cellulari causati dallo stress ossidativo.

Può essere un alleato della salute del cuore. Una ricerca ha dimostrato che il consumo di cicoria riduce l’infiammazione e il danno cardiaco nei ratti, prevenendo anche l’accumulo di placca nelle arterie, un fattore di rischio noto per le malattie cardiache.

Può avere proprietà antiparassitarie. Questo alimento tanto amato in Veneto contiene composti che potrebbero aiutare a combattere le infezioni causate dai parassiti, sebbene siano necessari ulteriori studi su questo argomento.

Il consumo di radicchio può promuovere anche la salute delle ossa. Contiene una grande quantità di vitamina K, che regola e promuove l’accumulo di calcio nel corpo. Può inoltre supportare il controllo della glicemia, così come migliorare la salute dell’apparato digerente e della regolarità intestinale. Ciò potrebbe essere dovuto al suo contenuto di fibre di inulina, che è importante per la salute gastrointestinale.

In italia i giovani mangiano circa il 60% della verdura quotidiana consigliata e gli adulti l’80%: in tutti e due i casi si mangiano meno verdure di quante ne servirebbero per un’equilibrata alimentazione protettiva. E’ quanto emerge da una ricerca dell’Osservatorio Grana Padano che ha valutato le abitudini alimentari di 5.500 italiani al fine di fornire i consigli per migliorare le difese immunitarie e difendersi dall’influenza.