Categorie
Salute

Pressione alta, il tipo di lavoro che ne aumenta il rischio

ROMA – La pressione alta è un fattore di rischio da non prendere sotto gamba in quanto può portare a condizioni e malattie anche gravi. Quando si scopre di avere la pressione alta è importante apportare alcune modifiche al proprio stile di vita, in quanto spesso le cause dell’ipertensione sono da attribuire ad abitudini alimentari sbagliate e a stile di vita sedentario. Tuttavia, un nuovo studio ha dimostrato che anche il tipo di lavoro può aumentare l’insorgenza dell’ipertensione. Nello specifico, lavorare per lunghe ore dietro una scrivania potrebbe aumentare il rischio di ipertensione ‘nascosta’, ovvero una pressione alta anche se le misurazioni fatte nello studio medico sembrano normali.

A suggerirlo sono i risultati di una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Hypertension. I ricercatori della Laval University, in Quebec, hanno arruolato 3.547 impiegati e ne hanno misurato la pressione sanguigna durante il primo anno, nel terzo e di nuovo nel quinto anno. In uno studio medico allestito sul posto di lavoro hanno misurato la pressione sanguigna di ciascun volontario tre volte in una mattina. Per il resto della giornata, i volontari hanno indossato un dispositivo di monitoraggio della pressione, che prendeva le letture ogni 15 minuti. Complessivamente, il 18,7% dei volontari ha sofferto di ipertensione ed era in cura mentre il 13,5% aveva ipertensione mascherata e non riceveva trattamenti per l’ipertensione. Quando i ricercatori hanno analizzato i dati tenendo conto dei fattori che potrebbero influenzare il rischio di ipertensione, come stress, fumo e l’indice di massa corporea (BMI), hanno scoperto che chi trascorreva lunghe ore di lavoro alla scrivania aveva il 66% in più di probabilità di avere la pressione alta e il 70% di probabilità in più di avere la cosiddetta ipertensione mascherata, ovvero pressione del sangue normale nella misurazione in ambulatorio, ma alta durante il corso della giornata.

“Le persone dovrebbero essere consapevoli che lunghe ore di lavoro potrebbero influire sulla loro salute e chiedere ai medici di controllare la pressione con un holter pressorio”, spiega l’autore principale, Xavier Trudel.