Ridurre la pressione alta con le erbe: cosa dicono gli studi

pressione-alta-dieta-cibi

ROMA – Le erbe sono usate da migliaia di anni per curare diverse malattie e per prevenire molti fattori di rischio, come pressione alta e colesterolo. Ma cosa dice la scienza in merito? Sono davvero efficaci? Un recente studio analizza le erbe che, secondo molte popolazioni, possono essere in grado di prevenire o curare la pressione alta. Attualmente, l’ ipertensione colpisce circa 1 adulto su 3 in Italia. Sebbene a volte alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possano essere sufficienti, in alcuni casi sono necessari farmaci. I farmaci antiipertensivi risultano molto efficaci per alcuni individui ma non per altri, e gli effetti collaterali possono essere spiacevoli.

Per questi motivi, la ricerca sta cercando modi alternativi per affrontare il crescente problema dell’ipertensione. Alcuni scienziati stanno prendendo in considerazione anche alcuni antichi rimedi erboristici. Sia chiaro: il fatto che questi trattamenti siano stati utilizzati per millenni non è certo una prova dell’efficacia, ma secondo alcuni team di ricercatori meritano una attenzione in più.

I ricercatori dell’Università della California, Irvine, hanno recentemente focalizzato l’attenzione su un gruppo di piante che, storicamente, sono state utilizzate come trattamento per l’ipertensione. Hanno pubblicato i loro risultati in Atti della National Academy of Sciences. Gli scienziati hanno preso in esame estratti di erbe da una vasta gamma di piante tra cui lavanda, estratto di semi di finocchio, basilico, timo, maggiorana, zenzero e camomilla.

Sotto la guida del Prof. Geoff Abbott, Ph.D., hanno identificato un tratto bioattivo condiviso da tutti gli estratti. Questo tratto, ritengono gli scienziati, potrebbe aiutare a spiegare perché alcune erbe sembrano avere lievi proprietà antiipertensive. In particolare, hanno scoperto che queste erbe attivano un canale di potassio chiamato KCNQ5. Questo canale di potassio, insieme ad altri, è presente nei muscoli che rivestono i vasi sanguigni. Quando i muscoli lisci vascolari si contraggono, la pressione sanguigna aumenta; quando si rilassano, la pressione sanguigna scende. L’attivazione di KCNQ5 provoca il rilassamento di questi muscoli. Gli autori pensano che questo potrebbe aiutare a spiegare alcune proprietà antiipertensive delle erbe.

I ricercatori hanno anche testato una serie di altre piante che non è stato ancora dimostrato dalla scienza che abbiano proprietà anti ipertensive, come l’erba di grano e il prezzemolo. In questi casi, in effetti, non è stata trovata alcuna attivazione di KCNQ5.

Non tutte le erbe sono uguali: quando hanno confrontato le specie vegetali, i ricercatori hanno scoperto livelli diversi di attività KCNQ5. “La lavandula angustifolia , comunemente chiamata lavanda, era tra quelle che abbiamo studiato”, spiega il prof. Abate. “Abbiamo scoperto che è tra i più efficaci attivatori del canale di potassio KCNQ5 , insieme all’estratto di semi di finocchio e alla camomilla”.

Successivamente, gli scienziati hanno voluto determinare quale composto vegetale è responsabile dell’attivazione del canale di potassio. Hanno isolato una sostanza chimica chiamata aloperina, un alcaloide. In un’ulteriore serie di esperimenti, hanno dimostrato che l’aloperina apre il KCNQ5 legandosi al canale di potassio.

È interessante notare che i farmaci attuali non prendono in considerazione il canale KCNQ5. Individuando questo divario nel mercato dei farmaci, il Prof. Abbott spera che “queste nuove ricerche e scoperte possano consentire lo sviluppo di future terapie per malattie e fattori di rischio, tra cui la pressione alta”.

Naturalmente, la strada che intercorre tra l’identificazione di un meccanismo e l’immissione sul mercato di una medicina è lunga. Vale anche la pena notare che il gruppo di recettori KCNQ è relativamente nuovo e, in quanto tale, gli scienziati non conoscono ancora l’intera gamma delle loro funzioni. Tuttavia, poiché l’ipertensione è un fattore di rischio molto diffuso, è probabile che vi sia un interesse significativo nel portare queste idee alla fase successiva. Per ora, tuttavia, le persone non dovrebbero cambiare i loro attuali trattamenti di ipertensione per i rimedi a base di erbe.

Potrebbero interessarti anche...