Pressione alta: la migliore acqua da bere per abbassarla

Pressione alta: 5 alimenti contro l'ipertensione

ROMA – In caso di pressione alta, bisogna agire immediatamente per riportare i valori nella norma. Mantenere un regolare valore di pressione arteriosa è infatti importante per la nostra salute. Se non viene tenuta sotto controllo, la pressione alta può portare a malattie e fattori di rischio anche gravi, insufficienza renale, infarto o ictus. A tal proposito, risultano interessanti i risultati di un nuovo studio, secondo cui bere acqua ricca di sali minerali come magnesio e calcio può essere un modo pratico per contrastare e abbassare i livelli di pressione. Questo, è legato soprattutto alle popolazioni che vivono in aree geografiche dove l’acqua potabile è carente di questi due minerali.

Uno studio recente ha suggerito un legame tra l’acqua potabile ricca di sali minerali all’abbassamento della pressione sanguigna nelle persone che vivono in una regione costiera del Bangladesh. Le fonti di acqua potabile nella regione possono variare il contenuto di sali minerali a causa dell’afflusso dell’acqua di mare. L’acqua con una maggiore salinità contiene più sodio, che può aumentare la pressione sanguigna, ma ha anche più calcio e magnesio . I ricercatori lo spiegano in un articolo del Journal of the American Heart Association. “Il calcio e il magnesio riducono la pressione sanguigna”, afferma l’autore principale dello studio, Abu Mohammed Naser, ricercatore presso la Rollins School of Public Health presso l’Emory University di Atlanta, GA. Gli scienziati ritengono che i benefici del magnesio e del calcio superano i danni del sodio.

Secondo uno studio del 2016, l’ipertensione arteriosa è la “principale causa prevenibile” delle morti premature in tutto il mondo. La pressione sanguigna troppo alta aumenta la forza che il sangue esercita sulle pareti delle arterie. Se la condizione persiste, può danneggiare il cuore e aumentare il rischio di ictus e altri problemi di salute.

Naser e i suoi colleghi osservano che le acque sotterranee sono la principale fonte di acqua potabile per oltre 1 miliardo di persone che vivono nelle regioni costiere. Di queste popolazioni, circa un quinto vive in aree in cui l’acqua di mare scorre nelle falde acquifere, dando origine a vari livelli di mineralizzazione.Tuttavia, gli scienziati hanno specificato che i dati “sulla salinità dell’acqua potabile, assunzione di minerali e salute cardiovascolare della popolazione” sono limitati.

Calcio e magnesio “neutralizzano” il sodio: la loro analisi ha preso in considerazione i dati di due studi che avevano tenuto traccia delle persone in varie parti del Bangladesh costiero. Le misurazioni coprivano periodi in cui la salinità dell’acqua potabile variava a causa dei monsoni e del clima secco. Il team ha scoperto che le persone che hanno bevuto acqua con livelli lievi o moderati di salinità avevano più sodio nelle urine rispetto alle persone che bevevano acqua fresca a bassa salinità. Inoltre, quelli con livelli più alti di sodio nelle urine avevano anche una pressione arteriosa sistolica più alta. Inoltre, l’analisi ha rivelato che coloro che hanno bevuto acqua con salinità lieve e moderata avevano livelli più elevati di calcio e magnesio nelle urine. Avere livelli più alti di questi minerali incide sulla pressione sistolica e diastolica inferiore. La pressione sanguigna sistolica è la pressione del sangue nelle arterie durante un battito cardiaco mentre la pressione diastolica è tra i battiti del cuore. Systolic è in genere il più alto dei due numeri. Gli autori ipotizzano “che gli effetti [della pressione sanguigna] di [calcio] e [magnesio] neutralizzino gli effetti dannosi di [sodio] […].”

Citano studi che hanno riscontrato effetti simili in altre parti del mondo. Alcuni di questi studi hanno collegato il bere acqua ricca di calcio e magnesio a una riduzione delle morti per cause cardiovascolari.

Il dott. Robert M. Carey, professore di medicina all’Università della Virginia a Charlottesville, ha contribuito alla produzione delle linee guida dell’American Heart Association (AHA) e dell’American College of Cardiology sulla pressione sanguigna. Pur non essendo stato coinvolto nello studio ha fatto alcuni commenti a riguardo. Egli osserva che, anche se è vero che le riduzioni della pressione non sono elevate, sono tuttavia abbastanza elevate da fare la differenza e, quindi, questi risultati giustificano ulteriori indagini. Continua, “Penso che sia chiaro da molti studi diversi che una piccola riduzione della pressione arteriosa, fatta in modo coerente, può avere un impatto importante nel ridurre le malattie cardiovascolari e l’ictus”. Egli sottolinea che lo studio non dimostra che l’aggiunta di calcio e magnesio all’acqua potabile abbassa realmente la pressione sanguigna. Ma che sarebbe bene effettuare altri studi a riguardo. Se un’ulteriore ricerca stabilisse effettivamente che l’aggiunta di calcio e magnesio nell’acqua potabile possa abbassare la pressione sanguigna, allora questo potrebbe essere un approccio completamente nuovo alla gestione dell’ipertensione come problema di salute pubblica.

Potrebbero interessarti anche...