Salute

Il poco sonno ci porta a consumare cibi poco salutari, lo studio

Insonnia, quale dieta può contrastarla in modo più efficace

Un nuovo studio pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics suggerisce che perdere sette o più ore di sonno raccomandate per notte potrebbe portare a maggiori opportunità di fare scelte alimentari poco salutari.

Un’analisi sui dati di quasi 20.000 adulti americani ha mostrato un legame tra il mancato rispetto delle raccomandazioni sul sonno e il consumo di più carboidrati, zuccheri aggiunti, grassi e caffeina.

La ricerca ha anche rivelato quella che sembra essere un’abitudine popolare americana: fare spuntini durante la notte.

Poco sonno porta a una peggiore alimentazione.

Christopher Taylor, autore senior dello studio, ha spiegato: “Di notte, beviamo le nostre calorie e mangiamo molti cibi pronti”.

“Non solo non stiamo dormendo quando stiamo alzati fino a tardi, ma stiamo portando avanti tutti questi comportamenti legati all’obesità”.

Come: “Mancanza di attività fisica, aumento del tempo davanti allo schermo, scelte alimentari che consumiamo come spuntini e non come pasti”.

“Sappiamo che la mancanza di sonno è collegata all’obesità su una scala più ampia, ma sono tutti questi piccoli comportamenti che sono ancorati a come ciò accade”, ha detto Taylor.

Sebbene ci siano molti fattori fisiologici in gioco nella relazione del sonno con la salute, Taylor ha affermato che evitare il cibo notturno potrebbe aiutare gli adulti non solo a rispettare le linee guida del sonno, ma anche a migliorare la loro dieta.

“Soddisfare le raccomandazioni sul sonno ci aiuta a soddisfare quella specifica esigenza di sonno correlata alla nostra salute, ma è anche legata al non fare cose che possono nuocere alla salute”, ha affermato Taylor.

“Più a lungo siamo svegli, più opportunità abbiamo di mangiare. E di notte, quelle calorie provengono da snack e dolci”.

“Ogni volta che prendiamo queste decisioni, introduciamo calorie e articoli relativi all’aumento del rischio di malattie croniche e non stiamo ottenendo cereali integrali, frutta e verdura”.

“Anche se sei a letto e cerchi di addormentarti, almeno non sei in cucina a mangiare, quindi se riesci a metterti a letto, questo è un punto di partenza”. (Fonte: Medical X Press). Foto di Engin Akyurt da Pixabay.