Categorie
Salute

Pillola contraccettiva: cellulite, cancro e “fa ingrassare”? Falso

ROMA – Pillola anticoncezionale, questa sconosciuta. In Italia solo il 16,2% delle donne la usa. Uno dei dati più bassi nei Paesi dell’Unione Europea. Troppi, ancora, i pregiudizi. Si dice che aumenta il rischio di tumore, che fa venire la cellulite e riduce la fertilità. Tutto falso. Anzi…

La Società Italiana della Contraccezione sottolinea come il primo falso mito da sfatare è l’effetto cancerogeno della pillola contraccettiva. Non solo non esistono prove che la pillola provochi il cancro, ma i dati disponibili indicano che la pillola è utile per prevenire il tumore dell’ovaio, quello più letale, difficile da diagnosticare in tempo e difficile da sconfiggere.

Contro il tumore all’ovaio, invece, la pillola dimezza il rischio, soprattutto se viene assunta in modo continuato e prolungato. Le possibilità di ammalarsi di questo tumore, dice una ricerca pubblicata su Lancet, si riducono del 20% ogni cinque anni di utilizzo della pillola.

E l’effetto protettivo degli estro-progestinici resta valido anche 20 anni dopo l’interruzione, sottolinea una meta-analisi di diversi studi pubblicata sul British Medical Journal.

Da sfatare senza ombra di dubbio la credenza che la pillola faccia ingrassare o faccia venire la cellulite: non interferisce né sulla crescita né sul metabolismo. Quindi se si mettono su dei chili di troppo la colpa non è certo di questo metodo contraccettivo.

Per quanto riguarda l’unica vera controindicazione, il rischio di trombosi, è vero che la pillola  aumenta il rischio, ma in percentuale minima. L’incidenza normale della trombosi è di due donne ogni 10mila, sottolinea Annibale Volpe, presidente della Società di Contraccezione, intervistato dalla Stampa.

“L’incidenza di trombosi tra chi prende la pillola oscilla tra i cinque e i 12 casi ogni 10mila. Siamo su cifre ancora molto basse, cinque-sei volte inferiori a quelle che riguardano le donne in gravidanza. In compenso la pillola è efficace come cura (e in futuro forse come prevenzione) per l’endometriosi, una patologia che colpisce una donna su 10, tre milioni solo in Italia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.