Categorie
Salute

Perché ho la pressione alta?

Quasi quattro italiani su dieci soffrono di pressione alta, che può essere prevenuta modificando alcune abitudini. La chiamano la malattia invisibile. Perché l’ ipertensione è una malattia che praticamente non ha sintomi, che non si fa sentire, non fa male, ma se non viene curata e monitorata può avere gravi conseguenze.

Va tenuto presente che colpisce anche un’alta percentuale della popolazione. Più di 1,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di ipertensione, il doppio rispetto a 40 anni fa, e più di sette milioni muoiono a causa di essa. Il problema è che in molti casi, chi aveva la pressione alta non sapeva di soffrirne perché, come spiegano gli esperti, spesso non ha sintomi.

Solo in alcuni casi può dare mal di testa, fiato corto o sangue dal naso, ma questi segni non sono specifici e di solito non si verificano fino a quando la pressione alta non ha raggiunto uno stadio grave.

Pertanto, dobbiamo monitorare regolarmente i dati della nostra pressione sanguigna per prevenire possibili problemi, poiché l’ipertensione può essere causa di ictus, infarto e malattie renali.

Leggi anche:  Pressione alta, 5 snack sani che puoi mangiare

Come possiamo misurarla?

Si misura facilmente, sia a casa, in farmacia o dal medico. La misurazione della pressione sanguigna viene eseguita con uno strumento specifico che viene messo al braccio gonfiato fino a ostruire momentaneamente l’arteria e quindi aprirla gradualmente. Quando l’arteria si apre, viene misurata la pressione massima, la sistolica, quando il cuore fa il massimo sforzo per far circolare il sangue. Quando il flusso ritorna normale, viene misurato la minima, o diastolica.

Va tenuto presente che la pressione sanguigna normale negli adulti è di 120 mm di mercurio (fino a 150 per gli anziani), quando il cuore è al massimo dei battiti e di 80 mm di mercurio, quando è più rilassato.

Si parla di ipertensione quando la pressione arteriosa è uguale o superiore a 140/90. Se ciò accade, è bene consultare il proprio medico.

Quali sono le cause o i fattori di rischio della pressione alta?

  • Età. Il rischio di ipertensione aumenta con l’avanzare dell’età. Fino a circa 64 anni, la pressione alta è più comune negli uomini. D’altro canto, le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare la pressione alta dopo i 65 anni.
  • Eredità familiare. La pressione alta di solito è dovuta ai geni. Per questo motivo, se i genitori o i nonni ne hanno sofferto, devi essere più vigile.
  • Il sovrappeso. Senza dubbio, anche i chili in più sono nemici della nostra pressione sanguigna. Più pesi, più sangue sarà necessario per fornire ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti. All’aumentare del volume di sangue circolante attraverso i vasi sanguigni, aumenta anche la pressione sulle pareti delle arterie. Quindi il modo più efficace per abbassare la pressione alta è tenere sotto controllo il peso.
  • Troppo sale nella dieta. E’ importante curare alcuni aspetti legati alla dieta, come l‘ eccesso di sodio. Se consumiamo troppo sale, il corpo trattiene i liquidi, che farà aumentare la pressione sanguigna. La quantità raccomandata è di 1,5 milligrammi (mg) al giorno per le persone con pressione alta. E la verità è che non ci vuole molto sodio per raggiungere quel limite giornaliero. Per questo motivo, è molto importante leggere le etichette sui prodotti confezionati e controllare le quantità se si prepara il cibo in casa.
  • Poco potassio nella dieta e non seguire una sana alimentazione. In relazione all’aspetto precedente riferito al sale, si deve tener conto che il potassio aiuta a bilanciare la quantità di sodio nelle cellule. Se non assumi abbastanza potassio nella tua dieta o non trattieni abbastanza potassio, il sodio può accumularsi nel sangue. La chiave quindi è semplice: poco sale e molto potassio. Per questo dobbiamo includere molta frutta nella nostra dieta, soprattutto quella ricca di potassio come banane, albicocche, avocado e arance. E anche verdure come patate, pomodori, spinaci. Inoltre, dobbiamo limitare il consumo di calorie, grassi, carboidrati e zuccheri in eccesso. 
  • Stile di vita sedentario. Le persone inattive tendono ad avere una frequenza cardiaca più elevata. Più alta è la frequenza cardiaca, più il cuore deve lavorare ad ogni contrazione e più forte è la forza sulle arterie. Inoltre, è un circolo vizioso poiché la mancanza di attività fisica aumenta anche il rischio di essere in sovrappeso. Pertanto, è essenziale tenersi attivi, camminare o fare sport almeno mezz’ora almeno tutti i giorni.
  • Il consumo di tabacco e alcol. Non solo il tabacco aumenta temporaneamente la pressione sanguigna, ma le sostanze chimiche presenti possono danneggiare il rivestimento delle pareti delle arterie. Ciò può causare il restringimento di esse e aumentare il rischio di malattie cardiache. E il fumo colpisce anche i fumatori passivi, quindi è meglio spegnere la sigaretta, gioverà alla nostra salute in generale e a quella di chi ci circonda. Allo stesso modo, anche bere molto può danneggiare il cuore. Bere più di una bevanda alcolica al giorno per le donne e più di due bevande al giorno per gli uomini può influire sulla pressione sanguigna.
  • Stress. Livelli elevati di stress possono portare a un aumento temporaneo della pressione sanguigna. Lo stress può essere alleviato con la meditazione quotidiana o sessioni di respirazione profonda. Gli ormoni dello stress restringono i vasi sanguigni e possono causare picchi temporanei di ipertensione. Inoltre, nel tempo, lo stress può innescare cattive abitudini che mettono a rischio la salute cardiovascolare. Come per esempio mangiare troppo, dormire male e abusare di droghe e alcol.
  • Alcune condizioni croniche. Alcune condizioni croniche possono anche aumentare il rischio di ipertensione, come malattie renali, diabete e apnea notturna. A volte la gravidanza contribuisce anche all’ipertensione.

L’assunzione di farmaci prescritti è essenziale

Se la pressione sanguigna è molto alta o non scende dopo aver apportato questi cambiamenti allo stile di vita, il medico può prescrivere farmaci antipertensivi. Funzionano e miglioreranno i risultati a lungo termine, soprattutto se sono presenti altri fattori di rischio. E’ importante, tuttavia, consultare sempre il proprio medico, misurare regolarmente la pressione sanguigna e controllare i risultati.