Categorie
Salute

Pelle al sole, dieta per prepararla: cioccolato, mirtilli…

Per preparare la pelle al sole si può iniziare dall’alimentazione. Con alcuni alleati naturali come il cioccolato, l’olio extravergine di oliva, i mirtilli, il salmone, le carote e le erbe mediterranee. Tutti alimenti che contengono sostanze preziose per la protezione della cute e per il contrasto all’invecchiamento provocato dai radicali liberi.

Questi alimenti, infatti, contengono beta-carotene (nel caso delle carote, ma anche di altra frutta e verdura di colore arancione), acidi grassi omega 3 (come salmone e sgombro), resvetrarolo (presente nei mirtilli, oltre che nell’uva e nel vino rosso), ma anche il meno noto acido ellagico, presente nelle bacche di goji, o l’acido rosmarinico, che si trova nel rosmarino, nel timo, nell’origano e nella maggiorana.

In questo modo attraverso la dieta possiamo fare il pieno di antiossidanti e vitamine e preparare la pelle all’esposizione al sole (aiutandoci ovviamente con creme con un buon fattore di protezione).

Oltre al cibo, spiega la professoressa Serena Lembo, ricercatrice e docente di Dermatologia dell’Università di Salerno, per prepararsi all’esposizione al sole, in situazioni normali e ancor di più se si è di fototipo chiaro o si segue una terapia con immunosoppressori, si può iniziare a proteggersi assumendo composti naturali o sintetici con funzione antiossidante, capaci cioè di fornire alle cellule i substrati necessari per neutralizzare ed eliminare i radicali liberi dell’ossigeno che inevitabilmente si producono durante l’esposizione al sole.

“Come prodotti naturali c’è il polypodium leucotomos, che è un estratto dalla felce”, suggerisce la dottoressa Lembo, indicando anche il cioccolato che ha funzioni antiossidanti, il resveratrolo del vino rosso, i polifenoli e il già noto beta-carotene. Da non dimenticare inoltre i tocoferoli derivanti dall’olio d’oliva, gli acidi grassi del salmone o degli oli di pesce, l’acido ellagico dei frutti di bosco, l’acido rosmarinico, gli isoflavoni della soia e non ultima, la nicotinamide di sintesi, riserva energetica per le cellule.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.