Grasso sulla pancia, lo stratagemma per migliorare l’alimentazione

Dimagrire, fibre: quante mangiarne al giorno secondo gli esperti

ROMA – Quando si vuole dimagrire e perdere il grasso sulla pancia, l’alimentazione è di certo il fattore più importante. Verdure e frutta sono tra i cibi che andrebbero privilegiati, insieme a proteine magre, cereali integrali e grassi buoni. Spesso però le verdure sono tra gli alimenti meno amati, in quanto considerati insipidi e poco gustose. Ora però un nuovo studio dimostra che esiste uno stratagemma per incoraggiare gli individui a mangiare più verdure e favorire quindi la perdita di grasso sulla pancia. Nello specifico, secondo i risultati della ricerca sembra che nominare i piatti a base di verdure con aggettivi che ne promuovono il sapore, aumenta il pensiero positivo sul mangiare sano e la voglia quindi di mangiare le verdure.

Per alcuni, stare a dieta con l’obiettivo di perdere peso e dimagrire la pancia significa tollerare di mangiare cibi insipidi e insoddisfacenti, che sembrano una punizione piuttosto che una piacevole esperienza alimentare. Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Psychological Science , mostra che dare ai piatti salutari un nome più allettante può aumentare significativamente la voglia di alimenti salutari. Ciò significa che, a lungo termine, si hanno maggiori probabilità di mantenere buone abitudini alimentari, portando a una dieta sostenibile e salutare e ad una migliore qualità della vita.

Gli studi precedenti: Alcuni anni fa, alcuni ricercatori dell’Università di Stanford, in California, hanno collaborato con Stanford Residential & Dining Enterprises per studiare un nuovo approccio alla sana alimentazione. Hanno rimosso gli aggettivi che descrivono cibi non salutari e hanno ideato un sistema di denominazione di cibi salutari in base ai sapori del piatto. Ad esempio, hanno utilizzato “carote arricciate con glassa di agrumi” per rendere le carote più gustose da mangiare. Da questo esperimento, i ricercatori hanno appreso che le etichette degli alimenti dal suono più teatrale e artistico incoraggiavano le persone a mangiare verdure più frequentemente rispetto a se, le stesse identiche verdure, venivano etichettate con nomi neutri o incentrati sulla qualità. I ricercatori hanno pubblicato i risultati di questo studio iniziale nel 2017.

Le etichette incentrate sul gusto influiscono sulle scelte alimentari: Quest’anno, lo stesso gruppo di ricercatori ha esteso questo approccio alimentare agli studenti universitari. Per questo nuovo studio, hanno portato avanti un intervento randomizzato e multisito che ha coinvolto 57 college e università degli Stati Uniti per valutare l’effetto dell’etichettatura degli alimenti incentrata sul gusto. Per un periodo di 185 giorni, il team ha analizzato 137.842 decisioni su 24 tipi di verdure in 71 piatti con nomi salutari, neutri o incentrati sul gusto. I ricercatori hanno scoperto che dare alle verdure un’etichetta incentrata sul gusto ha aumentato la scelta di quel pasto di quasi un terzo (29%) rispetto all’utilizzo di un’etichetta incentrata sulla salute.

C’è stato anche un aumento del 14% nell’assunzione di verdure quando avevano nomi incentrati sul gusto piuttosto che nomi neutrali. Complessivamente, quando i ricercatori hanno analizzato il consumo di cibo salutare confrontando le porzioni iniziali con la quantità che i commensali hanno buttato, hanno trovato nel cestino dell’umido un aumento del 39% del peso delle verdure consumate dai partecipanti.

Alia Crum, un assistente professore di psicologia e autore senior dello studio, afferma che l’etichettatura degli alimenti focalizzata sul gusto funziona perché “aumenta l’aspettativa di un’esperienza gustativa positiva”. “In particolare”, dice, “riferimenti a ingredienti come “aglio “o” zenzero ” , metodi di cottura come “arrosto” e parole che mettono in risalto l’esperienza, come “sfrigolanti” o “alla casereccia”, aiutano a trasmettere cl’idea che il piatto non è solo gustoso ma anche confortante o nostalgico”.

Descrivere gli alimenti usando parole positive non specifiche, come “assolutamente incredibile”, non ha incrementato l’assunzione perché troppo vaghe.

Potrebbero interessarti anche...