Rischio obesità: il carboidrato perfetto per contrastarla

Diabete, dieta antiossidante tra le migliori per prevenirlo

ROMA – Prevenire e contrastare il rischio obesità con l’alimentazione è possibile. Uno maxi studio che ha utilizzato dati provenienti da oltre 130 paesi ha concluso che mangiare più riso potrebbe proteggere dall’obesità. Dopo aver fatto riferimento ad una vasta gamma di fattori, il team di ricercatori ha suggerito che i dati sono molto significativi e importanti.

C’è un legame tra mangiare più riso e contrastare il rischio obesità L’obesità nel mondo occidentale è in aumento. Tuttavia, alcuni paesi sembrano essere immuni al problema. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il 39,8% delle persone negli Stati Uniti è obesa. In Italia il problema è meno vasto ma non è inesistente: secondo il rapporto Osservasalute 2016, che fa riferimento ai risultati dell’Indagine Multiscopo dell’Istat “Aspetti della vita quotidiana” emerge che, in Italia, nel 2015, il 9,8% della popolazione è obesa e, complessivamente, il 45,1% dei soggetti di età maggiore ai 18 anni è in eccesso ponderale. In Giappone, tuttavia, come affermato l’Organizzazione mondiale sanità (OMS) la cifra è solo del 4,3%.

Come è possibile una differenza così enorme? Secondo il gruppo di ricercatori, un buon punto di partenza potrebbe essere il riso. Dopotutto, l’alimentazione di molti paesi con bassi tassi di obesità condividono il riso come punto fermo della dieta. I ricercatori del Doshisha Women’s College of Liberal Arts di Kyoto, in Giappone, hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino. Di recente hanno presentato le loro scoperte al Congresso europeo sull’obesità ( ECO2019 ) a Glasgow, nel Regno Unito.

Gli scienziati hanno preso in esame dati provenienti da 136 paesi. Hanno scoperto che i paesi in cui la gente mangiava in media almeno 150 grammi di riso al giorno avevano tassi di obesità significativamente più bassi rispetto ai paesi in cui si è abituati a mangiare meno della quantità media globale di riso, circa 14 g al giorno. I ricercatori hanno cercato di prendere in considerazione il maggior numero possibile di variabili, compresi il livello medio di istruzione, i tassi di fumo, le calorie totali consumate, il denaro speso per la sanità, la percentuale della popolazione oltre i 65 anni e il prodotto interno lordo pro capite. Tutte queste variabili erano significativamente più basse nei paesi i cui residenti mangiavano più riso; tuttavia, anche dopo averne tenuto conto nelle loro analisi, i ricercatori hanno scoperto che l’influenza positiva del riso sull’obesità persisteva. Dai loro dati, stimano che un aumento di circa 50 gr di riso al giorno potrebbe ridurre l’obesità globale dell’1%. Ciò equivale a un cambiamento da 650 a 643,5 milioni di adulti

Il Professor Tomoko Imai, coordinatore dello studio, ha spiegato: “Mangiare riso sembra proteggere dall’aumento di peso. È possibile che la fibra, i nutrienti e i composti vegetali presenti nei cereali integrali aumentino la sensazione di sazietà e impediscano l’eccesso di cibo. Il riso ha anche pochi grassi e ha un livello di glucosio ematico postprandiale relativamente basso, che sopprime la secrezione di insulina “.

Potrebbero interessarti anche...