Categorie
Salute

Mangiarsi le unghie, succhiarsi il pollice protegge da allergie

WELLINGTON – Vi mangiate le unghie? Vi morsicate le pellicine? Bene. In questo modo vi state inconsapevolmente proteggendo dalle allergie. Lo stesso discorso vale per i bimbi che si succhiano il pollice: ingerire così sostanze estranee è un ottimo metodo per proteggere la propria salute in particolare da reazioni allergiche agli acari della polvere, all’erba, ai gatti, ai cani, ai cavalli o ai funghi dispersi nell’aria.

A dirlo è uno studio congiunto della Dunedin School of Medicine, in Nuova Zelanda, e della McMaster University, in Canada, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Pediatrics.

Gli studiosi hanno coinvolto nello studio oltre mille bambini della Nuova Zelanda con una età compresa tra i 5 e gli 11 anni. I ricercatori hanno misurato la sensibilizzazione atopica dei piccoli attraverso dei test cutanei sia a 13 che a 32 anni d’età.

Dai dati così raccolti è emerso che il 31 per cento del campione si succhiava il pollice o si mangiava le unghie di frequente. Tra tutti i bambini di 13 anni d’età, il 45 per cento ha mostrato una sensibilizzazione atopica, ma tra quelli con una di queste abitudini, solo il 40 per cento ha avuto allergie. E questa tendenza si è mantenuta anche in età adulta e non sono state rilevate differenze tra chi vive in casa con fumatori o con gatti e cani, ecc.

Come hanno sottolineato gli autori dello studio,

“I nostri risultati sono coerenti con la teoria dell’igiene, secondo la quale l’esposizione precoce alla sporcizia o ai germi riduce il rischio di sviluppare allergie. Anche se non è consigliabile incoraggiare queste abitudini, ci sembra che esse abbiano un lato positivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.