Categorie
Salute

Ipertensione e colesterolo, i rischi dei rimedi naturali

Una persona su cinque fa o ha fatto uso di ‘rimedi naturali’ (prodotti erboristici e affini) per la salute del cuore (per combattere ad esempio l‘ipertensione o il colesterolo alto), ma sono ancora pochi i dati di efficacia e sicurezza sull’uso della fitoterapia. A mettere in guardia dai trattamenti naturali è una ricerca condotta presso l’Università Cattolica di Roma che ha preso in esame i dati relativi a 42 sostanze erboristiche in uso per le malattie cardiovascolari.

Il rischio di queste cure fai-da-te è anche che “chi ne fa uso può arrivare a sospendere le cure tradizionali senza avvertire il proprio medico”, spiega Graziano Onder del Centro di Medicina per l’Invecchiamento, “mettendo a repentaglio la propria salute”.

Si stima che il 15-20% della popolazione (dati relativi agli Stati Uniti) faccia uso di fitoterapici con qualche presunta funzione cardiovascolare; inoltre, che una persona su cinque abbia fatto uso di un fitoterapico almeno una volta nella vita.

Eppure al momento attuale i dati circa l’efficacia di queste terapie sono estremamente limitati e non supportano il loro uso nella pratica clinica. Inoltre molte di esse possono causare eventi avversi anche gravi e interagire con i farmaci tradizionali.

La ricerca ha preso in considerazione 42 fitoterapici con potenziale indicazione per il trattamento di ipertensione, scompenso cardiaco, cardiopatia ischemica, colesterolo e trigliceridi, e malattie vascolari.

Tra i fitoterapici esaminati, l’olio di semi di lino, il cardo mariano, i semi d’uva, il tè verde, il biancospino, l’aglio e la soia potrebbero avere un’azione benefica sui livelli di pressione arteriosa e di lipidi nel sangue e sul controllo glicemico ma mancano studi clinici ampi e definitivi.

Per altre erbe quali astragalo, ginseng e ginkgo biloba sono ancora meno i dati disponibili su presunti benefici in termini di riduzione del rischio cardiovascolare. “Un rimedio o farmaco naturale non è necessariamente sicuro – conclude Onder -. E’ sempre importante informare il medico se si sta usando uno di questi rimedi erboristici, in quanto il loro utilizzo può portare conseguenze negative per la salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.