Categorie
Salute

Non sono allergie ma fanno male: le intolleranze

ROMA – Sedano, cereali, uova, latte, lupini, pesce, molluschi, crostacei, senape, nocciolinie, semi di sesamo, soia, solfiti: sono questi gli alimenti più a rischio intolleranze.

Intolleranze, appunti, e non allergie. Quindi alimenti che non hanno effetti fatali o gravi, ma possono dare  pancia gonfia, meteorismo, flatulenze, brontolii intestinali, dolori addominali, diarrea, bruciori di stomaco.

In questi casi non c’è una vera e propria diagnosi. Il paziente è sano, gli esami medici sono nella norma, ma i sintomi ci sono. Così queste situazioni vengono spesso definite sindromi del colon irritabile.

Per lo più questi sintomi vengono prodotti dai carboidrati, o glucidi, contenuti in pane, pasta, riso, cereali, prodotti da forno. Ma anche il fruttosio, carboidrato della frutta, o il lattosio, carboidrato del latte, producono una fermentazione che porta a questi malesseri.

In particolare, tra la frutta sono più a “rischio” mele, pere e anguria, mentre tra gli ortaggi cipolla, carciofi, cavoli e asparagi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.