Categorie
Salute

Il prosecco fa male ai denti? Falso. Ecco perché

Il prosecco fa male ai denti? Falso. Gli esperti smentiscono le accuse rimbalzate negli ultimi giorni sui media inglesi, dal Guardian al Daily Mail, che hanno riportato pareri piuttosto vaghi di “esperti” secondo cui farebbe male ai denti a causa della sua elevata acidità.

A lanciare quella che appare come una delle periodiche crociate anglosassoni contro i prodotti italiani è stato proprio il Daily Mail, che ha raccolto le dichiarazioni di alcuni dentisti. Uno di loro è il professor Damien Walmsley, consulente scientifico della British Dental Association, che punta il dito contro il Prosecco per la presenza di anidride carbonica oltre agli zuccheri e all’alcol, che possono mettere a rischio i denti, “aumentando la sensibilità e il rischio di corrosione”.

Anche il Guardian, con un commento a firma di Zoe Williams, ha discusso l’argomento ricordando come il vino frizzante sia da tempo diffusissimo nel Regno, in cui se ne bevono 40 milioni di litri ogni anno. I supermercati inoltre fanno a gara per offrire bottiglie a prezzi sempre più competitivi. Il quotidiano progressista arriva a elencare le ragioni per “evitare il prosecco” partendo proprio dalla necessità di preservare il proprio sorriso. Parole che hanno indignato il portale italiano Londra Italia, secondo cui si tratta di una “fake news” promossa dalla lobby britannica della birra.

”E’ difficile identificare nel prosecco un prodotto rischioso”, ”nessuna demonizzazione, perché ci sono anche tanti altri prodotti con ph acido e zucchero che possono essere a rischio carie e aumentare la sensibilità dei denti, soprattutto se non ci procede ad all’igiene successiva della bocca”, spiega Mario Aimetti, presidente eletto della Sidp, la società italiana di Società Italiana di Parodontologia e Implantologia, docente all’Università di Torino.

Aimetti non entra nello specifico dello studio ma spiega che la questione del rischio non può essere vista così frontalmente, così come posta sulla stampa inglese. In particolare, aggiunge l’esperto, ”le bevande, così come i cibi che possono aumentare il rischio di sviluppare la carie o la sensibilità dentale, sono molti: tutte le bevande gassate e con zuccheri, frutta come fragole o arance’‘, solo per citarne alcune, ma la lista potrebbe essere davvero molto lunga.