Categorie
Salute

Fumare fa male anche alla schiena. E ci fa diventare più bassi

ROMA – Fumare fa male… alla schiena. E ci fanno diventare “più bassi”. Il motivo? Provoca gravi danni al Dna dei dischi intervertebrali, cioè i cuscinetti ammortizzanti che sono tra le vertebre. E i danni alla colonna potrebbero essere ancora più gravi per chi inizia a fumare da adolescente. Lo rivela uno studio congiunto dell’Università Cattolica di Roma e della University of Pittsburgh pubblicato su ‘The Spine Journal’.

La degenerazione dei dischi è responsabile di molte patologie della colonna, come lombalgie e cervicalgie croniche. Normalmente l’invecchiamento è la causa principale di degenerazione discale, però molteplici fattori di rischio collaborano all’accelerazione di questo processo degenerativo e adesso appare chiaro che il fumo è tra questi.

Questo studio ha evidenziato l’azione nociva dei composti del fumo sul Dna delle cellule dei dischi. I ricercatori hanno esposto a fumo cronico di sigaretta topi di laboratorio sani e topi con un deficit di funzionamento dei meccanismi di riparazione del Dna. Questo secondo gruppo di topi è molto più suscettibile al danno indotto da qualsiasi agente che attacchi il Dna, compreso il fumo.

Tutte le cavie esposte hanno sviluppato segni gravi di degenerazione discale con perdita in altezza dei dischi intertevertebrali. Le cellule discali hanno mostrato segni precoci di invecchiamento. I topi più suscettibili al danno al Dna presentavano danni vertebrali solo leggermente superiori rispetto ai topi sani di controllo.

Questo studio dimostra anche che il danno alla colonna potrebbe essere ancora più grave iniziando a fumare precocemente, in età adolescenziale: i topi esposti al fumo da cuccioli, infatti, hanno una degenerazione discale di dieci volte maggiore rispetto ai topi adulti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.