Categorie
Salute

Dieta libera: dimagrire fino a 8 chili senza contare le calorie

ROMA – Dieta libera per dimagrire senza avere vincoli di calorie: se pensate che sia impossibile vi sbagliate. La dieta libera consente infatti di attivare il metabolismo e perdere fino a 8 chili, circa due taglie, senza ricorrere al conteggio delle calorie. Chi è a dieta lo sa: una delle cose più tristi è dover contare le calorie di qualsiasi cibo e alimento. Se questo rappresenta per voi un cruccio, la dieta libera sembra essere il regime alimentare perfetto.

Come funziona la dieta libera? Come suggerisce il nome, questo stile alimentare viene definito “libero” in quanto non richiede il conteggio di calore né il dover pesare i cibi. Rappresenta invece più una filosofia del mangiare consapevoli e in modo sano. Ogni pasto deve essere completo e mai eccessivo, deve esserci il giusto equilibrio fra carboidrati, proteine e (pochi) grassi. Il fatto che non si debbano pesare i cibi vuol dire che si può avere molta liberà nello scegliere e abbinare gli alimenti, inoltre i cibi possono essere sostituiti facilmente.

La dieta libera prende spunto da quella mediterranea: sì a molta frutta e verdura, legumi, cereali e carni magre. L’importante è scegliere sempre alimenti freschi e sani, evitando surgelati e piatti pronti. Abolire gli alcolici e le bevande zuccherate e bere almeno due litri di acqua al giorno per drenare i liquidi e sgonfiarsi.

La dieta libera prevede 5 pasti al giorno: a colazione potete bere un caffè o té e alternare 5 biscotti integrali a 3 fette biscottate. Un frutto di stagione (come una mela o una pera) a metà mattina per non arrivare al pranzo affamati. A proposito del pranzo, alternare riso, pasta o pane integrale (una porzione media e non abbondante, circa 60 gr) ad un secondo come carne bianca (cotta al vapore o alla griglia) o latticini magri (ricotta, fiocchi di latte). Aggiungere sempre una verdura (insalata per un contorno veloce oppure verdura lessa o al vapore) e aggiungere un frutto. A metà pomeriggio potete fare spuntino con uno yogurt magro con l’aggiunta di frutta in pezzi o qualche cereale integrale. Infine a cena, come a pranzo, abbinare sempre una fonte di carboidrati (legumi o cereali, pasta riso o pane) a un secondo leggero come un trancio di salmone alla griglia o tonno o carne magra. Aggiungere verdura fresca e un frutto.

Non è importante contare le calorie, l’importante è prediligere cotture leggere (vapore, griglia e alla piastra) e condire con massimo due cucchiai di olio al giorno (uno a pranzo e uno a cena).