Effetti collaterali della dieta chetogenica: cosa aspettarsi

Dieta chetogenica

La dieta chetogenica, o dieta cheto, limita rigorosamente i carboidrati e aumenta invece l’apporto di proteine e grassi. Un comune effetto collaterale a breve termine della dieta chetogenica è la keto flu, o influenza da chetosi, che include sintomi come stanchezza, nausea e mal di testa.

I ricercatori non sanno ancora molto sugli effetti a lungo termine della dieta chetogenica. Tuttavia, ad alcune persone può causare problemi di salute ed è per questo molto importante che venga seguita sempre sotto stretto controllo medico.

Cos’è la dieta chetogenica

La dieta chetogenica limita l’ assunzione giornaliera di carboidrati, aumentando invece la quantità di proteine e grassi. L’obiettivo è favorire l’organismo a bruciare i grassi, anziché i carboidrati, per produrre energia.

Questo cambiamento metabolico mette il corpo in uno stato di chetosi.

La chetosi si verifica quando il corpo inizia a bruciare il grasso a causa della mancanza di zucchero nel sangue. Il corpo trasforma il grasso in chetoni.

Ci vogliono circa 2-4 giorni affinché il nostro organismo raggiunga lo stato di chetosi.

Molte persone iniziano la dieta cheto perché desiderano perdere peso. Tuttavia, in alcuni casi viene scelta per gestire determinate condizioni di salute, come il diabete.

La maggior parte dei regimi di dieta chetogenica limita l’assunzione giornaliera di carboidrati a 50 grammi (g) o meno. Richiedono inoltre alle persone di attenersi ai seguenti rapporti nutrizionali, basati su un’assunzione giornaliera di 2.000 calorie al giorno:

  • 55–60% di calorie dai grassi
  • 30–35% di calorie dalle proteine
  • 5-10% di calorie dai carboidrati

Cheto flu

La dieta chetogenica può rappresentare un cambiamento drastico, visto che si deve ridimensionare -spesso di molto- l’apporto di carboidrati.

L’improvviso passaggio a una dieta a basso contenuto di carboidrati può causare alcuni effetti collaterali.

Durante la transizione verso la chetosi, si può sperimentare la così detta “cheto flu”, i cui sintomi includono: insonnia, fatica, nausea e vomito, mal di testa, stipsi, vertigini, stanchezza.

Nella maggior parte dei casi, l’influenza cheto è un effetto collaterale a breve termine che dovrebbe migliorare in pochi giorni. Bere abbastanza liquidi può aiutare ad alleviare i sintomi. Se questi non migliorano, sarebbe bene parlare con il proprio medico.

Dieta chetogenica, rischi per la salute a lungo termine

I ricercatori non sanno molto sugli effetti a lungo termine della dieta chetogenica, oltre i primi 2 anni.

Tuttavia, i potenziali rischi di qualsiasi dieta restrittiva includono carenze di vitamine o minerali.

Se hai deciso di seguire questo tipo di regime alimentare, devi monitorare l’apporto di carboidrati da tutte le potenziali fonti, inclusa frutta, verdura e cereali integrali. Di conseguenza, potresti privarti di alimenti che forniscono nutrienti benefici come appunto vitamine e minerali.

Carenze di vitamine e minerali possono causare una varietà di sintomi, che vanno da lievi a gravi. Se segui la dieta chetogenica dovrai assicurarti di non rinunciare ad alcun nutriente.

Altri potenziali rischi di una dieta ricca di grassi e proteine ​​includono: calcoli renali, steatosi epatica (fegato grasso), ipoproteinemia o bassi livelli di proteine ​​nel sangue.

Le diete povere di carboidrati, in generale, possono avere effetti negativi.

Ad esempio, uno studio del 2016 ha scoperto che le persone che seguono diete a basso contenuto di carboidrati hanno livelli più elevati di colesterolo lipoproteico a bassa densità, o anche conosciuto come “colesterolo cattivo”, che è un fattore di rischio per le malattie cardiache .

Inoltre, gli autori di una revisione del 2012 hanno concluso che una dieta a basso contenuto di carboidrati focalizzata su fonti animali di proteine ​​e grassi aumentava il rischio di diabete di tipo 2.

Gli scienziati dovranno condurre ulteriori studi per comprendere specificamente i potenziali effetti collaterali a lungo termine e i rischi della dieta chetogenica.

Altre considerazioni

La dieta cheto possiede altre limitazioni che potresti voler considerare prima di provarla, come ad esempio:

  • Risultati variabili: in termini di perdita di peso, la dieta cheto può funzionare in modo più efficace su alcune persone e meno su altre. Secondo la Academy of Nutrition and Dietetics, la velocità con cui si entra in chetosi e si inizia a perdere grasso varia a seconda di diversi fattori.
  • Difficile da seguire: la dieta cheto limita strettamente puoi mangiare. Di conseguenza, può essere difficile seguire la dieta per un lungo periodo. Quando smetti di limitare i carboidrati, potrai riguadagnare qualsiasi peso perso.
  • Grasso saturo: poiché si può rimanere in chetosi indipendentemente dal tipo di grasso che si consuma, puoi essere portato a una forte dipendenza da grassi animali o grassi saturi, che lungo termine sono associati rischi per la salute.

E’ possibile ridurre i potenziali rischi della dieta cheto:

  • assicurando il giusto apporto di vitamine e minerali
  • assumendo più grassi sani, come olio extravergine d’oliva, pesce azzurro e avocado.
  • evitando alimenti trasformati che contengono grassi saturi
  • reintroducendo lentamente alcuni carboidrati quando si raggiunge il peso desiderato.

In ogni caso, prima di aderire alla dieta chetogenica ma a qualsiasi regime alimentare, è molto importante chiedere consiglio al proprio medico.

Potrebbero interessarti anche...