Dieta, abbinamenti giusti per mangiare sano

dieta-abbinamenti-frutta-verdura

ROMA – L’estate non è né troppo lontana né troppo vicina. Ma la dieta in primavera è un must per chiunque voglia arrivare preparato alla prova costume. Il primo consiglio è sempre quello di affidarsi a uno specialista, l’unico che potrà fornirci un regime completo e dettagliato di quello che deve finire sulla nostra tavola. La percentuale di abbandono di diete fai da te è molto alta e uno dei motivi principali è proprio la mancanza di un piano preciso, variato, che stenda la tabella di marcia. Sbaglia chi crede che sia più facile optare per l’improvvisazione.

Al di là dei preziosi consigli di dietologi e nutrizionisti, esistono comunque degli abbinamenti che si possono osservare per portare avanti una dieta sana come legumi e cereali. Per esempio lenticchie e riso. Vitamina C e ferro sono un’altra coppia utile all’organismo, soprattutto per chi segue una dieta vegana e si limita ad assorbire ferro non eme. Per fare un altro esempio: se si vuole migliorare l’assorbimento del ferro dalle lenticchie, è consigliabile mangiare un’arancia a fine pasto oppure mischiarla con un contorno finale a base di insalata. Bene anche salmone con cavolo e riso basmati integrale. Poi patate e quinoa con patate e verdure. Oppure una tagliata di pollo con riso integrale e contorno a foglia verde. Ci sono poi le alternative proteiche vegetali come il tofu, che in commercio potete trovare anche direttamente fatto con pomodori o curcuma. Abbinarlo a degli spinaci e del pane integrale.

Quello che non deve mai mancare nella dieta sono le verdure e la frutta.
Uno studio condotto presso le University of Leeds e University of York in Gran Bretagna ha dimostrato che il benessere individuale cresce all’aumentare delle porzioni di frutta e verdura consumate ogni giorno.  Ma da questo punto di vista gli italiani sono molto attenti. Secondo un sondaggio Eurostat, il nostro Paese è primo in Europa per il consumo di questi alimenti una volta al giorno (45%), e tra i primi per la voce ‘almeno due volte al giorno’ (40%, superata solo dal Portogallo). Quattro italiani su cinque, inoltre, mangiano verdure su base quotidiana, superati solo da irlandesi e belgi, entrambi all’84%. 


Potrebbero interessarti anche...