Diabete fattore di rischio per infarto, ictus, cancro

diabete-colesterolo-dieta-garcinia-cambogia

ROMA – Il diabete è un fattore di rischio per infarto, ictus e cancro
Il diabete danneggia i vasi e favorisce l’arteriosclerosi. Dunque rispetto alle altre persone, i diabetici hanno un rischio aumentato di infarto cardiaco o ictus cerebrale.

In base ai dati emersi lo scorso novembre al IX Convegno nazionale della Fondazione Amd, Associazione dei medici diabetologi, i diabetici italiani sono sempre più anziani, oltre sei su dieci over 65 soffrono soprattutto di diabete di tipo 2. Si parla di 3,7 milioni di persone, mentre nel mondo oltre 400 milioni di persone soffrono di questa malattia, che nel 2017 ha causato circa quattro milioni di morti.

Il diabete nuoce a diversi organi come reni, occhi e cuore. Ma è anche correlato a molte altre malattie come la disfunzione erettile che, soprattutto nelle persone più giovani è proprio un sintomo tipico del diabete. Anche la pressione alta è un fattore di rischio da non sottovalutare. Sebbene negli ultimi anni siano stati sviluppati farmaci in grado di contrastare la malattia, prima di tutto bisogna puntare sulla prevenzione attraverso un cambio di dieta e un incremento dell’attività fisica, le strategie principali per evitare e contrastare la malattia.

Rispetto ai tumori più diffusi, evidenzia uno studio presentato al congress dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd) lo scorso ottobre, i diabetici hanno un rischio maggiore del 20% di sviluppare un cancro al colon retto e del 5% per il tumore al seno rispetto ai soggetti sani di confronto. Per il cancro al fegato, il maggiore rischio è addirittura del 231%, e’ del 119% per il cancro al pancreas, del 78% per quello all’utero, del 45% per quello al rene. I diabetici con diagnosi di tumore hanno una probabilità di morte maggiore dopo la diagnosi. E’ fondamentale la prevenzione. Bisogna ridurre al minimo alcuni fattori di rischio come, ad esempio, l’obesità, il fumo e una dieta scorretta.

Fonte: Fondazione Veronesi e Ansa.

Potrebbero interessarti anche...