Diabete, per combatterlo non è necessario perdere peso: lo studio

Diabete, dieta antiossidante tra le migliori per prevenirlo

ROMA – Un nuovo studio della Ohio State University ha scoperto che una dieta a basso contenuto di carboidrati può aiutare chi ha un rischio maggiore di sviluppare il diabete, anche se in realtà non perde peso. Una dieta a basso contenuto di carboidrati può invertire la sindrome metabolica e allontanare il diabete di tipo 2 nelle persone a rischio. Nello specifico, la ricerca ha esaminato le persone con sindrome metabolica.

La sindrome metabolica è un insieme di fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di sviluppare determinati problemi di salute, tra cui diabete, malattie cardiache e ictus. Questi fattori di rischio includono grasso sulla pancia, un alto livello di trigliceridi, bassi livelli di colesterolo buono, pressione alta e glicemia alta a digiuno. Per una diagnosi di sindrome metabolica, l’individuo deve soddisfare almeno tre di questi criteri.

Per la nuova ricerca, i cui risultati sono appena apparsi nel Journal of Clinical Investigation Insight, gli studiosi hanno analizzano 10 uomini e 6 donne con diagnosi di sindrome metabolica. Per un periodo di 4 mesi, ogni partecipante ha seguito tre diverse diete a caso che duravano circa un mese ciascuna. Le diete erano a basso contenuto di carboidrati, carboidrati moderati o ad alto contenuto di carboidrati. I ricercatori hanno anche assicurato che i partecipanti non avrebbero perso alcun peso durante lo studio, in quanto hanno preparato e personalizzato ogni pasto per soddisfare le specifiche esigenze caloriche di ogni persona.

Le diete in dettaglio: ogni dieta conteneva il 20% di proteine, ma il contenuto di carboidrati e grassi variava per ciascun tipo: La dieta a basso contenuto di carboidrati aveva il 6% di carboidrati e il 74% di grassi. La dieta con carboidrati moderati presentava il 32% di carboidrati e il 48% di grassi. La dieta ad alto contenuto di carboidrati aveva il 57% di carboidrati e il 23% di grassi.

Gli scienziati si sono confrontati con i partecipanti dopo un mese su ciascuna dieta per vedere come questa aveva influenzato i loro livelli di colesterolo. Hanno notato che dopo aver seguito la dieta a basso contenuto di carboidrati per un mese, i partecipanti avevano bassi livelli di trigliceridi e livelli di colesterolo migliori.

Ma c’è stato un altro risultato che è stato ancora più sorprendente: anche se la dieta a basso contenuto di carboidrati prevedeva molti più grassi saturi rispetto alla dieta ad alto contenuto di carboidrati, ai partecipanti è stata riscontrata una quantità inferiore di grassi saturi nel sangue dopo aver seguito la dieta a basso contenuto di carboidrati per un mese.

Il team rileva inoltre che le particelle di colesterolo dei partecipanti erano più grandi, il che aiuta a ridurre la possibilità di malattie cardiovascolari. Altre scoperte nel gruppo della dieta con basso contenuto di carboidrati comprendevano miglioramenti nella glicemia, oltre all’indicazione che sembravano bruciare i grassi in modo più efficiente.

La metà dei partecipanti non si è più qualificata per una diagnosi di sindrome metabolica dopo 4 settimane di dieta a basso contenuto di carboidrati, ma le buone notizie non finiscono qui: tre dei partecipanti non soddisfano più i 3 criteri di sindrome metabolica dopo 4 settimane di dieta con quantità di carboidrati moderati, e una persona non soddisfa più i criteri dopo 4 settimane di dieta ad alto contenuto di carboidrati.

Jeff Volek, professore di scienze umane presso la Ohio State University di Columbus, spiega che questo è probabilmente dovuto al fatto che anche la dieta ad alto contenuto di carboidrati conteneva meno carboidrati rispetto a quelli normalmente consumati.

“Non c’è dubbio che chi soffre di sindrome metabolica e diabete di tipo 2 debba preferire diete a basso contenuto di carboidrati. In genere però si perde peso e uno dei pensieri prevalenti è che sia proprio la perdita di peso a dare miglioraremi”, dice il Prof. Volek. “A quanto pare, in questo studio abbiamo dimostrato il contrario”.

Sindrome metabolica: la sindrome metabolica ha alcune cause distinte, tra cui l’invecchiamento e una tendenza genetica a sviluppare l’ insulino-resistenza, cose che non possono essere controllate da un individuo. Tuttavia, ci sono altre cause che possono essere tenute sotto controllo, come l’alimentazione e lo stile di vita. Una dieta a basso contenuto di carboidrati, come suggerisce questo studio, potrebbe essere una parte importante del trattamento della sindrome metabolica. Sebbene questi risultati siano promettenti, lo studio è stato a brevissimo termine. Gli scienziati dovrebbero ora condurre ulteriori studi sulle diete a basso tenore di carboidrati a lungo termine e su come le persone rispondono ad esse.

Potrebbero interessarti anche...