Diabete, frutto della passione contrasta la glicemia

diabete-ridurre-rischi

ROMA – Quando si ha a che fare con il diabete di tipo 2, l’alimentazione è molto importante. Esistono alcuni cibi che, più di altri, sono in grado di tenere a bada la glicemia. Tra questi spicca il frutto della passione, o maracuja, che secondo i risultati di numerosi studio rappresenta un valido aiuto nel controllo del diabete di tipo 2 per il suo contributo alla riduzione dell’insulino-resistenza che è alla base della patologia.

Il diabete non va certo sottovalutato e, negli ultimi anni, vi è sempre più una maggiore attenzione nella ricerca di alimenti e prodotti naturali che possano fornire un aiuto nella prevenzione di questa malattia, che va curata oltre che con i giusti farmaci prescritti dal proprio medico, anche con una alimentazione sana e mirata.

Il frutto della passione, di recente, è stato studiato soprattutto per il suo ruolo nel controllo del diabete di tipo 2 e di altri fattori di rischio cardiovascolare. Uno dei più famosi risale al 2012 ed è stato pubblicato sul Nutrition Journal. Condotto su 43 pazienti diabetici di età compresa tra 57 e 73 anni, ha previsto la somministrazione di 30 grammi al giorno di farina di frutto della passione, durante i pasti. I risultati dello studio hanno suggerito una riduzione dell’insulino-resistenza nei pazienti con diabete di tipo 2 e, di conseguenza, un’azione positiva del frutto della passione sul controllo della glicemia.

Oltre allo studio in questione, il frutto della passione è considerato un ottimo alimento contro il diabete anche perché ha un basso indice glicemico, fondamentale per chi è malato di diabete di tipo 2.

Non solo: il frutto della passione è ottimo anche contro le malattie cardiovascolari. È infatti ricco di fibra, soprattutto di pectina. Ne contiene circa 10 gr ogni 100 gr di prodotto, pari al 27% dell’apporto giornaliero consigliato. La pectina forma nello stomaco una sostanza gelatinosa che ritarda l’assorbimento dei carboidrati e mantiene a lungo la sensazione di sazietà; inoltre, ha un effetto positivo sul metabolismo dei grassi e, di conseguenza, anche sull’accumulo del colesterolo.

Ovviamente non basta mangiare il frutto della passione per combattere il diabete e non esiste alcun alimento miracoloso. In caso di malattie come diabete o colesterolemia bisogna sempre consultare il proprio medico. Il frutto della passione, semplicemente, è un alimento ricco di proprietà benefiche e se consumato nelle giuste quantità può contribuire a mantenere sotto controllo la glicemia.

Potrebbero interessarti anche...