Diabete, l’additivo molto diffuso che ne aumenta il rischio

diabete-ridurre-rischi

ROMA – Gli additivi alimentari sono molto diffusi nei prodotti in commercio. Nonostante siano sottoposti costantemente a studi e ricerche e che la maggior parte di questi vengano considerati sicuri, una nuova ricerca ha dimostrato come un agente antimuffa comunemente usato altera il metabolismo dello zucchero nei topi e guidi la resistenza all’insulina, incidendo sul rischio di diabete e di aumento di peso.

L’alimentazione occidentale, se non equilibrata e sana, è ricca di alimenti trasformati, zuccheri e grassi. Tutti fattori di rischio molti alti per il diabete e l‘obesità. Evitare cibi trasformati non è in realtà così facile. I conservanti, che mantengono fresco il nostro cibo più a lungo, si nascondono in molti cibi.

Uno tra i conservanti più comuni è l’agente antimuffa propionato, un acido grasso a catena corta che i batteri del nostro intestino producono in modo naturale. Come conservante, il suo altro nome è E282 e si presenta come un additivo alimentare comunemente usato nel pane e in altri prodotti da forno. Secondo il Codex Alimentarius , la guida internazionale sugli standard alimentari dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, il propionato può essere inserito in moltissimi cibi, tra cui cereali per la colazione, dolci a base di latte e uova, insaccati, formaggi lavorati e bevande sportive. I ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, a Boston, MA, insieme ai colleghi dello Sheba Medical Center, a Ramat Gan, in Israele, hanno fatto delle ricerche studiando gli effetti delpropionato su topi e umani e i risultati sono sorprendenti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Il dottor Amir Tirosh, professore associato di medicina presso la facoltà di medicina di Sackler dell’Università di Tel-Aviv e direttore dell’Istituto di endocrinologia presso lo Sheba Medical Center, ha spiegato a Medical News Today, quotidiano online specializzato in salute, che tutto è iniziato con lo studio delle azioni dell’associazione della FABP4, proteina leganti gli acidi grassi, che i ricercatori ritengono abbia un ruolo nel metabolismo degli zuccheri e dei grassi. “Incidentalmente ci siamo imbattuti in un vecchio documento scientifico del 1912 che dimostrava che la somministrazione di propionato ai cani ha portato ad un aumento della produzione di glucosio”, ha spiegato.

Per studiare la connessione tra propionato e FABP4, il dott. Tirosh e il team hanno somministrato ai topi sani una dose di conservante. Come nei cani, il team ha riscontrato un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. I ricercatori hanno scoperto che il propionato attivava il sistema nervoso simpatico, misurato dai livelli di noradrenalina, e aumentava i livelli degli ormoni glucagone e FABP4. Ciò ha indotto il fegato a produrre alti livelli di glucosio, che a sua volta ha portato ad alti livelli di insulina nel sangue.

“Normalmente, questi ormoni agiscono durante il digiuno per proteggere da una pericolosa discesa di glucosio nel sangue”, ha spiegato il dott. Tirosh. “In questo caso, però sembra che gli ormoni si attivino senza una reale minaccia e quindi aumentando la glicemia”.

I topi sono stati alimentati con una bassa dose compresa tra lo 0,15 e lo 0,3% di propionato inserita nella loro dieta per diverse settimane. Si tratta del corrispettivo di quanto propionato consumerebbe un individuo con una classica alimentazione occidentale. Ebbene, i topi hanno sviluppato livelli più elevati di glucagone e FABP4, alti livelli di insulina ematica e resistenza all’insulina – una caratteristica del diabete di tipo 2. Hanno anche messo su più peso, con un aumento significativo della massa grassa, rispetto ai topi che ricevono una dieta standard.

Gli effetti sull’uomo: Successivamente, i ricercatori hanno reclutato 14 volontari sani. I partecipanti allo studio hanno mangiato un pasto contenente 500 calorie integrate con propionato nella forma di 1 grammo (g) di propionato di calcio, oppure di un placebo. “Questa dose propionata di 1 g è equivalente alla quantità più comunemente usata dello 0,3% […] a cui sono esposti gli individui quando consumano un singolo pasto”, spiegano gli autori dello studio. Dopo 2 settimane, i partecipanti allo studio sono stati invertiti, ovvero ai volontari appartenenti al gruppo placebo (quello in cui non è stato dato del propionato) durante la prima visita è stata data la dieta contenente propionato, e viceversa. Proprio come accaduto ai topi, i volontari hanno subìto picchi di norepinefrina, glucagone e FABP4 e un aumento dei livelli di insulina nel sangue e riduzione della sensibilità all’insulina.

“Siamo rimasti molto sorpresi nel vedere che anche quando una piccola quantità di propionato veniva somministrata ai volontari, questa aveva effetti significativi sul livello sistemico di ormoni chiave come FABP4”, ha commentato il medico. Infine, il dott. Tirosh ei suoi colleghi hanno analizzato i dati di 160 partecipanti alla sperimentazione controllata randomizzata sull’intervento dietetico, nota come DIRECT, per verificare se i livelli di propionato e la perdita di peso fossero collegati. All’inizio dello studio, il team ha trovato un collegamento tra i livelli di propionato e resistenza all’insulina. Dopo 6 mesi, livelli più bassi di propionato hanno mostrato un’associazione con miglioramenti più significativi della sensibilità all’insulina.

Tuttava, lo studio presenta dei limiti. Per esempio, il Dr. Tirosh riconosce che la ricerca non è stata ancora in grado di mostrare la causa e l’effetto del consumo propionato sull’obesità globale e sul diabete di tipo 2. Il team inoltre non ha studiato gli effetti a lungo termine dell’esposizione cronica al propionato a basso livello negli esseri umani.

Per questo, conclude l’esperto, sarebbe prematuro evitare questo additivo basandosi su un singolo studio. La nostra ricerca dovrebbe servire come prova di principio per la potenziale interferenza del propionato nel normale metabolismo, ma la maggior parte dei dati è stata ottenuta nei topi, e dobbiamo fare attenzione quando traduciamo questi risultati nell’uomo. Vediamo le nostre scoperte come un pezzo del puzzle”.

Potrebbero interessarti anche...