Diabete, acqua di cocco per tenere a bada la glicemia

diabete-ridurre-rischi

ROMA – Quando si ha il diabete, il primo consiglio dei medici è senza dubbio quello di adottare un’alimentazione sana e mirata a tenere sotto controllo la glicemia. Alcuni alimenti, più di altri, sono adatti a chi è diabetico proprio perché sono in grado di controllare gli zuccheri nel sangue. Uno di questi è l’acqua di cocco che, secondo diversi studi, è perfetta per chi ha il diabete di tipo 2. L’acqua di cocco non è altro che il liquido contenuto all’interno della noce di cocco. Non solo è molto gustosa ma è ricca di sostanze nutritive. In questo articolo ci dedicheremo all’analisi dei benefici di questa bevanda, dimostrati scientificamente.

L’acqua di cocco si forma naturalmente nel frutto e contiene il 94% di acqua e pochissimi grassi. Non bisogna confondere l’acqua di cocco con il latte di cocco, il quale si ottiene aggiungendo acqua alla polpa di cocco grattugiata. L’acqua di cocco contiene una percentuale relativamente bassa di calorie e carboidrati, mentre è ricca di sali minerali, che rendono questa bevanda un ottimo idratante. Per questo, tra le altre cose risulta perfetta da bere dopo l’esercizio fisico.

Uno dei benefici studiati e dimostrati è quello legato alla glicemia. La ricerca ha infatti dimostrato che l’acqua di cocco è in grado di abbassare i livelli di zuccheri nel sangue negli animali con diabete. In uno studio, dei ratti con diabete sono stati trattati con l’acqua di cocco e hanno mantenuto livelli di glucosio nel sangue migliori rispetto al gruppo di controllo. Lo stesso studio ha anche rilevato che i roditori a cui è stata data l’acqua di cocco hanno presentato livelli più bassi di emoglobina A1c, indicando così un buon equilibrio nella concentrazione degli zuccheri nel sangue nel lungo termine. Un altro studio ha suggerito che l’assunzione di acqua di cocco da parte dei topi con il diabete ha portato a miglioramenti dei livelli di glucosio nel sangue.

Non solo: l’acqua di cocco è ricca di magnesio, minerale che secondo i risultati di alcune ricerche può aumentare la sensibilità all’insulina e ridurre i livelli di glucosio nel sangue di chi è a affetto da diabete di tipo .

Potrebbero interessarti anche...