Salute

Diabete: tè alleato per combatterlo ma attenzione a…

Tè verde, quando è meglio berlo durante la giornata

ROMA – Nel 2017 uno studio pubblicato su FASEB Journal aveva dimostrato gli effetti positivi del tè verde nella prevenzione contro demenza, obesità e diabete. Le ricerche diabetologiche hanno dimostrato che il tè può migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Questo è dovuto al fatto che alcuni tipi di tè contengono micronutrienti chiamati polifenoli, che possono aumentare l’attività dell’insulina. I polifenoli sono ricchi di antiossidanti, che a loro volta possono aiutare a proteggere dall’infiammazione, dagli agenti cancerogeni e prevenire il diabete.

Attenzione però: non tutti i tè sono indicati per chi soffre di diabete. Per esempio acquistare tè in bottiglia con zuccheri aggiunti farebbe solo alzare la glicemia. Il consiglio è quello di farlo a casa, che sia freddo o caldo. Evitare anche di aggiungere del latte o altre bevande simili. Il miglior tipo di tè per aiutare a migliorare l’attività dell’insulina è il tè tè nero, ma anche il tè verde e tè oolong sono raccomandati. Secondo Diabetes.co.uk, citato dal sito ExpressUk, uno studio del 2009 ha dimostrato che bere tre tazze di tè al giorno può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 del 40%.

“Il tè è una delle bevande preferite della nazione (Regno Unito, ndr) e la ricerca suggerisce che sia anche una bevanda salutare”, spiega il sito. “Il tè apporta una serie di benefici per la salute, tra cui il miglioramento della sensibilità all’insulina”. “Tuttavia, la ricerca osserva che alcuni dei benefici sono migliori se si beve il tè senza latte”.