Salute

Cervicale: cause, sintomi, rimedi per la cervicalgia

“Mi fa male la cervicale”, quante volte abbiamo pronunciato questa frase? La cervicalgia può avere diverse cause e manifestarsi in modo più o meno invalidante: ricorrere ai dispositivi medici più efficaci rappresenta la scelta giusta per ritrovare il benessere.

Il dolore cervicale può presentarsi all’improvviso o essere la conseguenza di un trauma più o meno grave. In qualunque modo faccia la sua comparsa, la cervicalgia rischia di compromettere la qualità della vita e trovare il rimedio più efficace per alleviarla diventa la priorità per chi soffre di questo disturbo.

Il primo step da compiere è affidarsi alle cure di uno specialista per ottenere una diagnosi corretta, valutando i sintomi e spesso richiedendo esami diagnostici specifici come la radiografia del rachide cervicale, la risonanza magnetica o l’elettromiografia.

Dolore cervicale, traumi e postura scorretta tra le cause

Il dolore che colpisce la zona del collo, in corrispondenza del rachide cervicale, può celare diverse cause e manifestarsi in modo acuto o cronico. Spesso viene generato da una contrattura provocata da una postura scorretta mantenuta a lungo. Oppure dal classico colpo d’aria che rappresenta un evento traumatico. Talvolta la responsabilità ricade su veri e propri infortuni, sforzi eccessivi e traumi articolari che provocano contratture muscolari improvvise. Se la cervicalgia si ripresenta frequentemente, invece, può indicare la presenza di un’ernia cervicale o di altre anomalie localizzate tra i dischi intervertebrali. Questo, segnala spesso lo sviluppo di patologie generative a carico delle vertebre, come l’artrosi cervicale.

Leggi anche: Cervicale, falsi miti e cure reali: yoga, capelli bagnati…

Sintomi da non sottovalutare

Dolore, rigidità muscolare e limitazione dei movimenti del collo rappresentano i sintomi più comuni della cervicalgia. Talvolta il fastidio interessa la sola zona del collo, altre volte si irradia al braccio sfociando in cervico-brachialgia. Tra le manifestazioni ricorrenti figurano torcicollo, indolenzimento, formicolio e debolezza degli arti superiori. Non è raro percepire alcuni sintomi di natura neurologica, tra cui nausea, vertigini, cefalea e disturbi alla vista ma anche problemi di equilibrio e acufene.

Dolore alla cervicale, prevenzione e rimedi efficaci

Evitare di condurre uno stile di vita sedentario rappresenta una valida strategia per prevenire la comparsa di dolori cervicali. Ad aiutare è anche l’uso di sedute ergonomiche che consentano di tenere una postura ottimale mentre si lavora. Così come praticare attività fisica regolarmente per potenziare l’elasticità muscolare.

Uno dei rimedi più validi per gestire la cervicalgia è rappresentato dal collare cervicale, un dispositivo ortopedico che consente di stabilizzare il collo e limitare la pressione che grava sul rachide, ottenendo notevoli benefici per placare il dolore e ritrovare la mobilità.

Il collare si rivela un prezioso alleato in caso di traumi, contratture o interventi chirurgici. Si declina in alcune varianti in base al materiale di composizione e alle caratteristiche strutturali, mirate a dare sollievo e intervenire sulle cause del disturbo. Il collare cervicale morbido, ad esempio, serve per dare stabilità e non crea limitazioni di movimento, mentre la tipologia semirigida viene solitamente consigliata nelle fasi postoperatorie o riabilitative. Il collare rigido, infine, ha come obiettivi sia il blocco dei movimenti sia l’alleviamento del carico sul rachide cervicale. La scelta del dispositivo più adatto alle proprie esigenze non deve essere lasciata al caso, affidandosi al parere medico e rivolgendosi ai fornitori di dispositivi medici qualificati.