Categorie
Salute

Carni rosse, non più di 50 grammi al giorno per allontanare infarto e tumori

CAMBRIDGE – Se si vuole salvare il proprio cuore meglio non mangiare più di 50 o 30 grammi di carne rossa al giorno, a seconda che si sia uomini o donne. Solo così si riduce il rischio di infarto e di tumore all’intestino.

A dirlo è una ricerca dell’Università di Cambridge, in Gran Bretagna, che sottolinea come in questo modo si riduca anche l’inquinamento, e in particolare le emissioni di carbonio.

Se gli uomini abitualmente mangiano 90 grammi di carne al giorno, in media, il consumo ideale non dovrebbe superare i 53 grammi. Le donne dovrebbero invece ridurre il consumo medio da 54 grammi a 30 grammi al giorno.

I ricercatori britannici hanno infatti dimostrato che per ogni 50 grammi in più di carni rosse consumati al giorno il rischio di patologie coronariche aumenta del 42%.

Sottolinea Louise Aston, coordinatrice della ricerca: ”Con ogni 50 grammi in più di carne rossa al giorno, si aumenta il rischio di incorrere in patologie coronariche del 42%, diabete di tipo 2 del 19% e cancro all’intestino del 18%. Ridurre il consumo di carni rosse significherebbe abbattere l’incidenza di patologie croniche fino al 12%, ma anche eliminare l’emissione di 28 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno solo in Inghilterra”.

Per avere il massimo guadagno in salute e ambiente, dicono gli esperti, l’ideale sarebbe sostituire la carne rossa con quella bianca o con una dieta vegetariana anche a base di legumi. Ma già dimezzare il consumo di carni rosse sarebbe un ottimo in inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.