Mangiare carne rossa non fa male: cosa dicono gli studi

Mangiare carne rossa non fa male: cosa dicono gli studi

ROMA – Nuove linee guida basate su 5 revisioni sistematiche sulla relazione tra consumo di carne e salute, suggeriscono che mangiare carne rossa, trasformata o non trasformata, non incide sui pericoli per la saute. Ma come bisogna interpretare questi risultati?

Numerosi studi, negli anni, hanno suggerito che il consumo di carne rossa trasformata o non trasformata è associato ad un rischio più elevato di cancro , problemi cardiovascolari e morte prematura. Sulla base di questi studi, le linee guida raccomandano da sempre di ridurre il più possibile il consumo di carne rossa. Negli ultimi giorni però una serie di revisioni sistematiche, disponibili integralmente sugli Annals of Internal Medicine – hanno suggerito che la carne rossa potrebbe non avere un impatto dannoso sulla salute. Ma da dove provengono queste nuove linee guida e cosa dicono in realtà?

La logica alla base della rivalutazione: il gruppo di autori che ha pubblicato la nuova serie di raccomandazioni comprende 19 specialisti in dieta e nutrizione, che fanno parte di un gruppo di ricerca indipendente chiamato il Consorzio Nutrizionali (NutriRECS). Nel loro articolo pubblicato, i ricercatori di NutriRECS spiegano che ritenevano necessario rivalutare le prove esistenti sulla relazione tra consumo di carne rossa e i risultati negativi sulla salute. In primo luogo, affermano gli autori, le raccomandazioni esistenti sono “principalmente basate su studi osservazionali” che spesso non sono in grado di stabilire relazioni di causa ed effetto e non “riportano l’entità assoluta di eventuali effetti”.

Il team sostiene inoltre che “Le organizzazioni che elaborano le linee guida non hanno condotto né hanno avuto accesso a rigorose revisioni sistematiche delle prove, si sono limitate ad affrontare i conflitti di interesse e non hanno affrontato esplicitamente i valori e le preferenze della popolazione”. Per questi motivi, i ricercatori di NutriRECS hanno deciso di rivalutare le prove esistenti, conducendo cinque revisioni sistematiche. Le recensioni hanno esaminato dozzine di studi randomizzati e studi osservazionali, fatti su migliaia di partecipanti.

Per valutare le prove derivate da tali studi, i ricercatori hanno sviluppato il proprio metodo di valutazione basato sul metodo di classificazione delle raccomandazioni, valutazione, sviluppo e valutazione (GRADE). Il metodo GRADE essenzialmente classifica le prove in base ai tassi di certezza, quindi: certezza molto bassa, se l’effetto reale di un fattore è probabilmente significativamente diverso dall’effetto stimato. Certezza bassa, se il vero effetto di un fattore è probabilmente significativamente diverso dall’effetto stimato. Certezza moderata, se il vero effetto di un fattore è probabilmente vicino all’effetto stimato. Certezza alta, se il vero effetto di un fattore è quasi certamente vicino all’effetto stimato.

In 4 delle 5 recensioni, i ricercatori hanno esaminato se una riduzione realistica dell’assunzione di carne rossa avesse qualche effetto sul rischio di determinati esiti negativi sulla salute, tra cui mortalità per tutte le cause, mortalità cardiovascolare, ictus , infarto , diabete , incidenza del cancro, e mortalità correlata al cancro.

Hanno definito una riduzione “realistica” dell’assunzione di carne rossa, una riduzione di 3 porzioni a settimana, ad esempio passando da 7 a 4 porzioni di carne rossa a settimana. Questa definizione, spiegano gli autori nel loro articolo, si basa sul fatto che “l’assunzione media di carne rossa è di 2-4 porzioni a settimana in Nord America e Europa occidentale”.

Dopo aver valutato le prove presentate da studi pertinenti, i ricercatori hanno concluso che la prova che ridurre l’assunzione di carni rosse trasformate e non trasformate ridurrebbe il rischio di cancro, malattie cardiovascolari e morte precoce aveva, nella maggior parte dei casi, “certezza da bassa a molto bassa”.

Nella quinta revisione sistematica, i ricercatori hanno esaminato gli atteggiamenti e i valori degli individui che consumano carne rossa e hanno concluso che “Gli onnivori amano mangiare carne e la considerano un componente essenziale di una dieta sana”.

Sulla base delle loro valutazioni, i ricercatori raccomandano che gli adulti di età pari o superiore a 18 anni che mangiano carne rossa continuino a farlo.

I ricercatori di NutriRECS scrivono che “Per la maggior parte degli individui, gli effetti desiderabili (un potenziale rischio ridotto di cancro e esiti cardiometabolici) associati alla riduzione del consumo di carne probabilmente non superano gli effetti indesiderati (impatto sulla qualità della vita, onere della modifica culturale e preparazione del pasto personale e abitudini alimentari)”.

Tuttavia, il team riconosce anche che si tratta di “raccomandazioni deboli ” , che gli individui dovrebbero solo prendere in considerazione come un suggerimento. Il team sottolinea che le loro linee guida mirano a informare più che a dirottare le linee guida mondiali.

Limitazioni e informazioni: i dati raccolti, specifica Bradley Johnston, autore dello studio, sono basati su evidenze limitate: “Ci siamo concentrati esclusivamente sui risultati sanitari e non abbiamo preso in considerazione il benessere degli animali o preoccupazioni ambientali quando abbiamo formulato le nostre raccomandazioni”.

I ricercatori non segnalano fonti di finanziamento esterne primarie. Tuttavia, alcuni dei ricercatori coinvolti nelle revisioni hanno rivelato di aver ricevuto, su base individuale, varie commissioni personali e supporto non finanziario da organizzazioni come l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e il National Institutes of Health (NIH), nonché da varie società di tecnologia informatica farmaceutica e sanitaria, come Sanofi.

Uno dei ricercatori ha anche riferito di aver ricevuto supporto non finanziario da Microsoft e Amazon mentre conduceva la ricerca.

Potrebbero interessarti anche...