Categorie
moda

Stilisti prestano il loro glamour a Obama con una raccolta fondi

New York – Può Barack Obama ricreare lo stesso quoziente di glamour di quattro anni fa? Secondo Scarlett Johannson sì, anche se al passo di una borsa shopping per volta. L'attrice, vestita in un abito total black di Stella McCartney, ha prestato il suo fascino alla festa di lancio per Runway to Win, un'iniziativa di raccolta fondi nel mondo della moda. L'idea della direttrice di Vogue, Anna Wintour, che è una dei maggiori promotori di Obama, raccoglie 27 stilisti che hanno realizzato oggetti a (relativamente) basso costo, come tote bag in tela e t-shirt con immagini e loghi di Obama: le creazioni sono ora in vendita online e i profitti andranno in favore della campagna. La Johannson li ha descritti come "bellissimi pezzi, indossabili".

"A tutti quelli che conosco che compiono gli anni tra oggi e novembre, siete i benvenuti!" ha scherzato con la folla che sorseggiava vino, mangiava tartine e, ovviamente faceva acquisti. Anche il manager della campagna di Obama, Jim Messina, ha invitato gli ospiti a comprare "Tutto ciò su cui riuscite a mettere mano".

Tra i pezzi accatastati sui tavoli era compresa una t-shirt disegnata da Beyonce e da sua madre, Tina Knowles, decorata con slogan come 'I'm in!' (in vendita per 45 dollari). Una maglietta a maniche lunghe di Jason Wu, che aveva disegnato l'abito da ballo bianco di Michelle Obama, aveva disegnato un uccellino su un ramo nei colori della campagna (rosso, bianco e blu). Sulla maglietta di Marc Jacobs la semplice scritta 'Io voto Obama'.

Le semplici tote in tela sono andate a ruba solo grazie alle piccole etichette cucite sopra: tra gli altri Vera Wang, Derek Lam, Tory Burch. La Johansson, parlando con i giornalisti, ha sottolineato l'importanza per la campagna di "reintrodurre quel tipo di fattore cool per la rielezione".

Scarlett ha lasciato cadere la domanda su Matt Damon, suo collega di set in 'We Bought a Zoo', che aveva sostenuto Obama quattro anni fa, ma che è stato molto esplicito sulla sua delusione per questa volta. Piuttosto, l'attrice ha detto che il presidente sta "combattendo una battaglia in salita". "È sempre stato un presidente su due mandati – ha detto – il cambiamento non avviene dall'oggi al domani. Ci vuole tempo" e ha confermato di essere più entusiasta che mai. "È così importante che la sua visione continui – ha aggiunto – e l'alternativa è così devastante. Semplicemente, non può essere".

La Wintour, che indossava una sciarpa di seta di Thakoon da 95 euro, ha detto che pensava che i fashion designer "possono essere molto utili" per quest'anno di elezioni. "Come potete vedere stasera, questi stilisti stanno andando ben oltre la chiamata d'obbligo. Dovrebbero star lavorando alle loro sfilate". Uno di loro era il francese Olivier Heyskens, del brand Theory, che ha prestato il suo showroom per l'evento. "Gli stilisti sono come i sognatori – ha detto – così è un bene per noi ogni tanto entrare in politica, nella realtà, nel futuro reale. Non posso votare qui, ma posso dire quello che penso".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.