Festa delle ciambelle e lotta contro bibite zuccherate, paradossi a New York

4 Giugno 2012 - di aavico

New York – Pur avendo appena annunciato una campagna della città contro le bibite zuccherate di 'taglia grande', il sindaco di New York Michael Bloomberg ha proclamato ufficialmente il primo giugno 'giornata nazionale dei donut', i tipici dolci fritti ripieni o glassati, simili alle nostre ciambelle, krapfen e bomboloni. La festa è stata inventata dal Salvation Army nel 1938, ma è stata ufficializzata soltanto quest'anno: una scelta che può sembrare un paradosso se si pensa alla campagna anti-obesità in cui è impegnata la città. La gente è perplessa: "I donut hanno tonnellate di zucchero. Non è giusto colpevolizzare solo le bevande" ha detto un residente di Manhattan.



Il sindaco non ha partecipato personalmente alla distribuzione gratuita di donut ed ha difeso, durante la giornata, la sua politica contro le bibite zuccherate nel suo radio show settimanale. "L'abitudine di bere un litro di questa roba è davvero dannosa per la salute". Il sindaco ribadisce che il provvedimento sulle bibite non lede alcun diritto dei newyorkesi. "Sarà ancora possibile acquistare la quantità di bevande che si vuole. La sola differenza è che le bibite saranno servite in bicchieri più piccoli" ha aggiunto Bloomberg. Secondo il governatore Andrew Cuomo, l'idea di Bloomberg non può essere dannosa. "Sarà rimessa in esame dal prossimo sindaco e, se la gente è davvero contraria, si prenderanno nuovi provvedimenti".