Categorie
curiosità

Cina, partorisce figlio che ‘più brutto non si può’: marito la denuncia e vince

PECHINO (CINA) – Mogli attente. Una corte del nord della Cina ha costretto una ex-moglie a sborsare al marito 100,000 euro per aver dato alla luce un figlio “che più brutto non si può”. La battaglia legale tra la ex-coppia cinese è cominciata quando Feng Jian scoprì che suo moglie in passato era talmente brutta da aver speso più di 70,000 euro in chirurgia plastica.

Secondo quanto riporta il NY Post, dopo la nascita del loro figlio, Feng si insospettì e chiese il test del DNA per vedere se il bambino fosse veramente suo e non quello di un ‘terzo incomodo’. Il test confermò che il figlio era suo e Feng, sentendosi offeso e raggirato, ha denunciato la moglie per danni.

Adesso una corte ha dato ragione a Feng e la ex-moglie è stata costretta a pagare quasi 100,ooo euro di danni, per aver tenuto nascosto gli aiutini estetici a cui si è sottoposta.

2 risposte su “Cina, partorisce figlio che ‘più brutto non si può’: marito la denuncia e vince”

Ma in Cina non esiste una Rupe Tarpea da cui far volare i nati “sfigati”?. E’ anche vero che se questa “buona abitudine” fosse ancora in auge da noi, non avremmo in parlamento nani carognosi…..

L’amore non esiste? Un figlio deve essere per forza bello? E se fosse nato con delle malformazioni? Ma che razza di padre è un essere del genere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.