Categorie
curiosità

All’asta il dattiloscritto di “Colazione da Tiffany” di Truman Capote

Concord (New Hampshire) – Andrà all’asta il prezioso dattiloscritto di ‘Colazione da Tiffany’ che Truman Capote scrisse nel 1958. Pagine ingiallite scritte a macchina e arricchite da una miriade di note a margine fatte dallo scrittore, tra cui la modifica del nome della femme fatale protagonista, da Connie Gustafson all’ormai iconico Holly Golightly.

La trama, costruita attorno a una giovane donna che si mantiene attraverso appuntamenti amorosi con diversi amanti ricchi, era stata oggetto di controversie. Harper Bazaar ne acquistò i diritti di serializzazione per 2.000 dollari, ripensandoci a causa del contenuto esplicito e dell’abbondanza di linguaggio volgare. Esquire magazine la acquistò quindi da Harper, pubblicandolo a puntate lo stesso anno, e nel 1961 lanciò l’adattamento cinematografico diretto da Blake Edwards e impersonato da Audrey Hepburn. Il romanzo fu poi pubblicato dalla casa editrice Random House.

“Stava per inviarlo alla Random House, e fu ispirato a cambiare quel nome” ha raccontato Livingston riguardo la modifica del nome della sua protagonista. ‘Colazione da Tiffany’ non è stato il debutto di Capote, che aveva esordito col plauso della critica nel 1948 con ‘Altre voci, altre stanze’, e a cui erano seguiti altri romanzi, racconti e sceneggiature. Ma quando ‘Colazione da Tiffany’ uscì, lo scrittore statunitense Normal Mailer scrisse di ritenerlo “lo scrittore più perfetto della mia generazione. Non avrei cambiato due parole in ‘Colazione da Tiffany'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.