Studio Usa: assunzione di sedativi aumenta il rischio di cancro

Studio Usa: assunzione di sedativi aumenta il rischio di cancro

Pasadena (California) – Chi prende sonniferi corre un rischio di morte tre volte maggiore rispetto a chi non ne fa uso. Inoltre, tra gli utilizzatori regolari di sedativi, il rischio di morire è quadruplicato e c'è anche un aumento significativo dei casi di cancro. È il risultato di uno studio del dottor Daniel F. Kripke, della clinica del sonno Viterbi Family Sleep Center presso il Scripps Health in San Diego, riportato dalla rivista statunitense Medical News Today. I risultati hanno dimostrato che il collegamento è lo stesso per i sonniferi di nuova generazione, come lo zolpidem (Ambien) e il temazepam (Restoril). "Quello che il nostro studio dimostra è che i sonniferi sono pericolosi per la salute e potrebbero causare morte contribuendo all'insorgere di cancro, malattie cardiache e altri disturbi", dichiara Kripke, che ha pubblicato insieme ai colleghi le indagini su BMJ Open, rivista specialistica medica online.

Per il loro studio, in cui si sono cercati legami tra assunzione di sonniferi, morte per qualsiasi causa e cancro, i ricercatori hanno esaminato i dati su quasi 35mila pazienti con un'età media di 54 anni, curati da un grande sistema sanitario integrato del nordest degli Stati Uniti. I dati provengono da un database medico elettronico che è in uso da più di dieci anni. Tra i partecipanti, 10.529 che hanno ricevuto prescrizioni di ipnotici e 23.676 pazienti di controllo che invece non ne hanno mai avute. Tutti sono stati seguiti per una media di 2,5 anni, da inizio 2002 a inizio 2007.
Nell'analisi i ricercatori hanno standardizzato fattori come età, genere, etnia, stato civile, indice di massa corporea, fumo, alcol; hanno inoltre tenuto conto di casi di cancro precedenti allo studio e un ampio numero di comorbidità, ovvero la presenza contemporanea nella stessa persona di più patologie che potrebbero influenzare i risultati.

L'analisi ha diviso i partecipanti in 116 gruppi, che corrispondono esattamente a casi e controlli di 12 classi di comorbidità. I risultati hanno dimostrato che, come previsto, i pazienti a cui erano stati prescritti gli ipnotici avevano "rischi sostanzialmente elevati di morire rispetto a coloro ai quali non erano stati prescritti", scrivono gli autori. I ricercatori hanno anche trovato un effetto tra dose e risposta: per quei pazienti a cui sono state prescritte tra 0,4 e 18 dosi di ipnotici in un anno, il rapporto di rischio (95% intervallo di confidenza CI) era di 3,60 (2,92-4,44), per quelli tra le 18 e le 132 dosi in un anno era di 4,43 (3,67-5,36) e per coloro con più di 132 dosi all'anno era di 5,32 (4,50-6,30). Quando hanno fatto le analisi separate per i comuni ipnotici, tra cui zolpidem, temazepam, eszopiclone, zaleplon, altre benzodiazepine, barbiturici e sedativi antistaminici, i medici hanno trovato un elevato rapporto di rischio per ognuno di essi.

Potrebbero interessarti anche...