Gravidanza, mamma raffreddata aumenta rischio asma nel bebè

Gravidanza, mamma raffreddata aumenta rischio asma nel bebè

5 Febbraio 2014 - di vnicosia

ROMA – Un semplice raffreddore o il virus influenzale contratti in gravidanza potrebbero aumentare il rischio di asma nel nascituro. Lo rivelano i ricercatori dell‘American College of Allergy, Asthma and Immunology che hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sulla rivista Annals of Allergy, Asthma and Immunology.



Lo studio ha evidenziato come le infezioni materne e l’esposizione batterica durante la gravidanza incidono sull’ambiente uterino e questo incrementa il rischio che il bambino sviluppi allergie e asma durante l’infanzia. I ricercatori hanno studiato 513 donne incinte in Germania e i loro 526 bambini. Le volontarie hanno compilato questionari durante la gravidanza e quando i bimbi avevano tre e dodici mesi e poi ogni anno fino ai cinque anni.

Tra queste famiglie, il 61 per cento aveva un genitore con asma, febbre da fieno oppure dermatiti atopiche. Se entrambi i genitori soffrivano di allergia, il bambino aveva il 75 per cento di essere allergico e quando le donne soffrivano di raffreddori o infezioni virali durante la gravidanza, aumentava la probabilità che il bambino soffrisse poi di asma durante l’infanzia.

.