Categorie
Salute

Dukan dei 7 giorni: perdi 5/15 kg e mangi più sano, non solo proteine

ROMA – Pierre Dukan è tornato: con una nuovissima dieta, più salutare e senza rinunce. E’ la Dukan dei 7 giorni pensata per andare incontro alle esigenze dei meno agguerriti e di chi proprio non ce la fa a rinunciare a un piatto di pasta o al brindisi con gli amici il sabato sera.

Il guru francese del dimagrimento, divenuto celebre grazie a Kate Middleton che nel 2007, dopo aver seguito la sua dieta iperproteica, arrivò in forma smagliante all’altare con il principe William, è tornato in libreria con una versione più soft del suo metodo infallibile, sebbene poco amato dai nutrizionisti. Dukan corregge il tiro e propone una dieta tutto sommato bilanciata che, rispetto alla precedente, troppo gravosa per fegato e reni nel lungo periodo, consente di mangiare tutto, non solo proteine, senza rinunce.

Se avete poco peso da perdere, nell’ordine di 5-15 kg, e soprattutto poco tempo da dedicare ad una cura dimagrante troppo sofisticata e pretenziosa, allora la Dukan dei 7 giorni fa al caso vostro. L’unità di misura, lo dice anche il titolo, è la settimana: dal lunedì alla domenica, ogni giorno si aggiunge un nuovo gruppo di alimenti e si finisce con il “pasto di gala”, un pasto libero a settimana nel quale concentrare tutte le voglie represse nel corso dei 7 giorni precedenti. La perdita di peso è costante e regolare: in media, quasi un kg a settimana.

Questo lo schema di base:

LUNEDÌ  VITALE. E’ il giorno delle proteine pure (PP) che, in perfetto stile Dukan, si possono mangiare in quantità illimitata scegliendo però dalla fatidica lista dei 12 alimenti: carni magre, frattaglie, pesce, pollo, affettati magri, uova, proteine vegetali (tofu, seitan, burger di soia), latticini magri. Immancabili: un cucchiaio di crusca di avena e un litro e mezzo di acqua. Sport: camminata di 20 minuti.

MARTEDÌ ESSENZIALE. Alle proteine si aggiungono le verdure, sempre a volontà (PV). Ma niente amido, quindi no a: patate, mais, piselli, ceci, fave, lenticchie o fagioli e avocado (che è un frutto e non una verdura). Meglio evitare anche carote, barbabietole e carciofi (troppo zuccherine). Attenzione al condimento. Camminata per almeno 30 minuti.

MERCOLEDÌ IMPORTANTE. Si aggiunge la frutta: no a banane, uva, frutta secca e oleosa. Un frutto medio grande (mela, pera, anguria), o due piccoli (2 mandarini, 2 kiwi, ecc). In generale sui 150gr di frutta al giorno. Sport: 30 minuti di camminata.

GIOVEDÌ UTILE. Oggi è il giorno del pane: consentite due fette (45 g) ma solo rigorosamente integrale o semintegrale. La porzione è sostituibile con 30gr di farina integrale se siete brave in cucina. Se avete fame potete sempre abbuffarvi di proteine e verdure (frutta nelle quantità indicate, come sopra). Sport: 30 minuti di camminata.

VENERDÌ CREMOSO. Il giorno dei formaggi, consentita una porzione di 40g da abbinare ai precedenti alimenti aggiunti nel corso della settimana: sono consentiti i formaggi a pasta cotta o fermentata con un massimo di 45-50 % di grassi (toma, parmigiano, fontina, camembert, brie, gorgonzola, taleggio). I minuti di passeggiata passano a 45.

SABATO ENERGETICO. Oggi si introducono gli amidacei, le porzioni sono da considerarsi giornaliere (perciò da dividere tra pranzo e cena) e il peso da cotti: 210 grammi di lenticchie, fagioli o ceci; 200 grammi di quinoa, 190 grammi di pasta al dente; 170 grammi di pasta ben cotta, 170 grammi di riso integrale; 150 grammi di riso bianco; 140 grammi di patate bollite con la pelle; 80 grammi di purè di patate. Altrimenti da crudi, moltiplicare il peso da crudi per il seguente fattore: Pasta lunga 2.5 Pasta corta 2 Riso 2.5 Patate 0.9 Legumi freschi/surgelati 0.9 Legumi secchi 2.5 Farina di mais per polenta 2 Quinoa, Farro, kamut, Bulgur, Miglio, Orzo, Cous Cous 2.5. Attività fisica: camminare per un’ora intera.

DOMENICA LIBERTÀ. Ma solo per un pasto: o pranzo o cena, tutto quello che volete. Il resto della giornata si mangia come il venerdì: proteine, verdure, frutta, due fette di pane integrale, una porzione di formaggio. L’attività fisica va fatta dopo il pasto di festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.