Categorie
tv

Chiambretti: “Ruby faceva parte del mio pubblico… mai vista però”

Piero Chiambretti (Foto LaPresse)

MILANO – “In mezzo al pubblico del mio show c’era Ruby “Rubacuori” e io non ne sapevo niente, era prima che esplodesse il caso Rubacuori”. Piero Chiambretti, intervistato da “A”, racconta l’aneddoto e presenta la serata dedicata a Laura Pausini venerdì 11 su Italia 1, un assaggio del suo nuovo programma, “Chiambretti Muzik Show”, in programma da gennaio.

Chiambretti nella lunga intervista ad “A” racconta anche il suo rapporto con la politica: “Sono più indignato degli indignados. La mia fede è stata tradita”. E sul dopo Berlusconi dice: “Quando finirà il governo Berlusconi un vasto indotto di comici, giornalisti, intellettuali ed editori, avrà un crollo. Per il bene del Paese può essere il momento del ricambio, ma la disoccupazione tenderà a salire anziché scendere. Tutti quelli che vivevano sulle spalle del berlusconismo faranno fatica”.

Sul suo nuovo programma, che avrà protagonisti star della musica, Chiambretti dice: “Trovo che l’arte, e anche l’arte della televisione, o sia rivoluzione o plagio. Io amo plagiare me stesso. Mi ripeto all’infinito, modellandomi ogni volta con dettagli che migliorano il progetto. Che è sempre quello: parlare d’attualità. Muzik racconta l’attualità attraverso la musica. I cantautori sono portatori più o meno sani di messaggi. Sono cantastorie, menestrelli, giornalisti che anziché scrivere su una pagina di giornale scrivono su un pentagramma. Gli ospiti non canteranno solo. Le loro parole saranno musica per le mie orecchie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.