Categorie
Salute

Tonno rosso, tracciabilità dal mare al pescivendolo

La pesca al tonno rosso è finita sotto la lente d’ingrandimento del Parlamento europeo che, nella sessione conclusasi oggi 18 giugno a Strasburgo, ha approvato un nuovo sistema di tracciabilità globale – dal mare al banco del pescivendolo o del supermercato – con l’obiettivo di combattere la pesca illegale. Un sistema di monitoraggio a tappeto con cui si vuole anche “migliorare il controllo degli stock marittimi contrastando il preoccupante impoverimento delle risorse nell’Atlantico”.

Le nuove regole impongono di fornire una documentazione per ogni fase del processo della filiera, compresa la cattura, la raccolta, l’importazione, l’esportazione e la riesportazione, in modo da garantire una tracciabilità completa e affidabile e prevenire le frodi fin dall’origine. Di fatto il regolamento trasferisce nel diritto europeo le raccomandazioni adottate dall’Iccat (la Commissione internazionale per la conservazione dei tonni dell’Atlantico) nel novembre 2009 e vincolanti per i membri dell’organizzazione dallo scorso primo giugno.

La risoluzione, presentata dall’eurodeputato dei verdi, lo spagnolo Romeva i Rueda, è stata approvata con 564 voti a favore, 9 contrari e 5 astensioni. Commentando il voto, il vicepresidente della commissione pesca del Parlamento europeo Guido Milana (S&D), ha sottolineato: “Se il programma approvato funzionerà tra quattro anni non avremo il problema di inserire il tonno rosso tra le specie a rischio estensione protette dalla Convenzione internazionale sul commercio Cites.

E sarà un bene per il tonno prima ancora che per i pescatori a condizione però – ha aggiunto – che il regolamento e i controlli siano applicati in modo efficace”. Per Milana, del resto, l’Agenzia europea della pesca a Vigo (Spagna), dovrebbe essere responsabile “non solo del coordinamento dell’attività di pesca, ma anche del controllo diretto di vigilanza, quindi accordandole una maggiore autorevolezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.