Lo stress da lavoro aumenta il rischio di ictus

Stressati a rischio ictus: lo dice una ricerca condotta dal dottor Lars Andersen del National Research Centre for the Working Enviroment di Copenaghen. Lo stress, in particolare quello da lavoro, fa aumentare il rischio di ictus di una volta e mezza.

Conta poco il livello di prestigio del lavoro, o l’istruzione del lavoratore. Anzi. Dallo studio è emerso che ad essere colpite sono soprattutto le persone istruite, di classe sociale elevata e con ruoli di responsabilità. A rischio soprattutto i giovani che ricoprono posizioni alte.

Il team del professor Andersen ha seguito dal 1970 al 2001 cinquemila uomini di età compresa tra i 40 e i 59 anni. Il dieci per cento di coloro che, tra questi, ha avuto un ictus (779 persone, di cui 167 sono morte), era composto da persone sottoposte ad alti livelli di stress sul lavoro.

Gli altri che avevano subito un ictus avevano già altre patologie o fattori che predisponevano al rischio, come pressione alta, diabete, o abitudine a fumare.

Ma la combinazione micidiale era data da uno di questi fattori con lo stress psicologico sul lavoro. Quelli più colpiti erano proprio coloro che ricoprivano posizioni più in alto nella gerarchia aziendale, mentre nessun collegamento è stato trovato tra i ruoli subordinati e lo stress psicologico sul posto di lavoro.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...